A San Lazzaro torna la rassegna “Così lontano, così vicino”

0
176

Da Oriente a Occidente, per terre e per mari, la musica è sempre stata un porto sicuro da cui partire o al quale arrivare. Dopo il grande successo delle prime edizioni, sotto la direzione artistica del musicista e compositore Carlo Maver torna la rassegna musicale Così lontano, così vicino – Musiche dal mondo, che porterà in Mediateca sonorità antiche e nuove, tutte da scoprire.
Il primo concerto si terrà il 9 febbraio in Mediateca, alle ore 17.00. Sul palco ci sarà il duo Voicello composto da Luisa Cottifogli alla voce e Enrico Guerzoni al violoncello, per una ricerca ricerca di linguaggi musicali nuovi all’insegna della libertà stilistica.
Il secondo appuntamento si terrà domenica 23 febbraio e vedrà in scena Interplay, un progetto che coniuga tango, jazz e musica mediterranea, in grado di unire con la musica le due Americhe e l’Europa. Sul palco a improvvisare ci saranno Joe Pisto (chitarra e voce) e Fausto Beccalossi (fisarmonica e voce).
Il concerto di domenica 8 marzo, vedrà protagonista Enza Prestia (voce, chitarra e percussioni) che porterà sul palco i suoni e i canti della tradizione popolare argentina con uno spettacolo dal titolo Lunatica. Enza Prestia è infatti di origini italiane ma nata e cresciuta in Argentina, dove ha riscoperto i “racconti in musica” i vita vissuta del suo popolo.
Il concerto finale (domenica 22 marzo) si intitola Racconti di cornamuse, antichi suoni d’aria e vedrà sul palco F. Rinaudo (uillean pipes, cornamuse), C. De Angelis (chitarra) e L. Rapazzini (violino). Il trio, formato da alcuni componenti della storica irish band “Birkin Tree”, presenterà un repertorio musicale tratto dalla letteratura tradizionale nord-italiana, francese, irlandese e scozzese.
Tutti i concerti dell’iniziativa sono a ingresso libero (fino ad esaurimento posti) e si svolgeranno alle ore 17.00 nella Mediateca di San Lazzaro, che per l’occasione sarà aperta dalle 15.00 alle 19.00.