Al LaboratOrio di San Filippo Neri PIETRO BABINA/GIOVANNI BRUNETTO: MACELLO – UN’AZIONE POETICA

0
336

Nasce al LabOratorio San Filippo Neri il nuovo spettacolo di e con PIETRO BABINA/GIOVANNI BRUNETTO: MACELLO – UN’AZIONE POETICA

Regia: Pietro Babina – Drammaturgia: Pietro Babina, Jonny Costantino

In scena: Pietro Babina (voce) Giovanni Brunetto (immagini)

Produzione: Mesmer – Immagini: Giovanni Brunetto

In scena sabato 9 marzo alle ore 20,30. Ingresso libero

Macello prende ispirazione dalla raccolta di poesie omonima del poeta Ivano Ferrari e vede in scena come interprete Pietro Babina, accompagnato dall’impianto visivo analogico di Giovanni Brunetto.

Questa “azione poetica” non è un reading di poesie, ma qualcosa di più simile a un concerto per voce sola, una voce che tenta di restituire in modo assolutamente non documentaristico quel magma ribollente, infernale, scabroso, nascosto che sgorga dalla pratica quotidiana della macellazione e vuole innescare una riflessione su come la crudeltà e la sofferenza riservata agli animali sia in tutto identica a quella riservata agli umani discriminati. Un meccanismo pregiudiziale – a volte circoscritto o ammansito, ma sempre pronto a risvegliarsi e a ridefinire di volta in volta il soggetto di riferimento – sottilmente evocato da suggestioni visuali concrete e incongrue messe in scena in tempo reale con mezzi esclusivamente analogici.

Realizzato grazie a un periodo di residenza presso il teatro Laura Betti di Casalecchio di Reno, il lavoro mostra inoltre come la pratica della poesia possa attraversare anche luoghi e immaginari terrificanti, come quello del continuo prodursi di morte violenta, e divenire paesaggio di riferimento per un poeta.

Il 10 marzo alle ore 17 seguirà un incontro con il poeta Ivano Ferrari, accompagnato dallo scrittore, saggista e drammaturgo Antonio Moresco e dal filmmaker Jonny Costantino, che insieme a Pietro Babina ha curato la drammaturgia dello spettacolo.

La collezione di poesie, pubblicata da Einaudi nel 2004, in questa occasione verrà ristampata.

Pietro Babina è regista, artista visivo, drammaturgo e attore. Nel 1989 fonda la compagnia Teatrino Clandestino con la quale produce spettacoli, installazioni, video e film che ricevono negli anni numerosi riconoscimenti nazionali e internazionali. Nel 2010 intraprende un percorso indipendente e fonda l’associazione Mesmer. Con il sostegno di Emilia-Romagna Teatro realizza vari spettacoli teatrali di circuitazione nazionale e internazionale in collaborazione con attori del calibro di Umberto Orsini, Leonardo Capuano e Alba Rohrwacher. Nel suo percorso artistico gli elementi che compongono la narrazione seguono un motivo ispiratore – nel tempo definito “evocazione” – che permette a chi guarda di avere sempre un punto di penetrazione e osservazione assolutamente soggettiva, rifuggendo l’idea dell’opera come forma oggettiva del sapere.

Giovanni Brunetto è artista visivo, scenografo e macchinista teatrale. Appassionato collezionista di apparecchiature audio/video d’epoca, da anni porta avanti un percorso di ricerca personale nell’ambito della sperimentazione visiva utilizzando parte della sua collezione. Le sue opere visive analogiche hanno accompagnato diverse performance teatrali e musicali di artisti italiani e internazionali tra cui la musicista elettronica Caterina Barbieri, il duo franco-israeliano Winter Family e il collettivo Ateliersi di cui fa parte dal 2008. Collabora inoltre come freelance agli allestimenti di importanti eventi dedicati alla ricerca artistica.