Bologna e immobiliare, cos’è cambiato e quali sono le nuove tendenze per gli affitti

0
315

Con l’emergenza sanitaria che ha travolto ogni ambito delle attività produttive, molti settori hanno subito delle trasformazioni profonde, uno di questi è sicuramente l’immobiliare.

Secondo Alberto Zanni, presidente di Confabitare, sono cambiati i prezzi degli immobili in affitto ma anche le esigenze e le preferenze di chi sta cercando una casa o una stanza da affittare a Bologna.

Tra le tendenze elencate da Zanni prevale quella degli spazi aperti: chi cerca casa in questo momento, la vuole con una terrazza o un giardino privato, preferibilmente fuori dal centro storico.

La zona più gettonata a Bologna è Murri, insieme alla zona Saragozza, ma molte richieste arrivano anche per le vie Arno, Genova ed Emilia Levante.

Confabitare prevede una diminuzione dei prezzi d’affitto fino al 20% per quelle case e appartamenti che non potranno offrire ai locatari giardini privati o terrazzi, e afferma che questa tendenza si protrarrà almeno fino alla fine del 2020.

Riguardo agli appartamenti in centro, invece, si prospetta una diminuzione dei costi compresa tra il 5 e il 10% fino a tutto il primo semestre del 2021, per poi tendere ad aumentare di nuovo nei due anni a venire.

Quello odierno si prospetta come un momento favorevole per stipulare un contratto di locazione. Sul versante ricerca dell’appartamento, altra notizia positiva è che oggi non si è più obbligati ad avvalersi dell’aiuto di un’agenzia immobiliare. Negli ultimi mesi, a farla da padrone sono i portali specializzati in affitti online, dove è possibile valutare ogni singolo immobile, anche grazie agli innovativi tour virtuali, che consentono di visionare ogni angolo di casa comodamente online. Attenzione chiaramente a preferire realtà solide e affidabili, come ad esempio l’italianissima ZappyRent, che annovera un ampio ventaglio di proposte per affitti privati a Bologna.

Attraverso la ricerca avanzata e le approfondite schede degli appartamenti, è davvero agevole consultare e scegliere la soluzione più funzionale alle proprie esigenze e necessità abitative.

Per chi non conosce bene la città, ecco qualche elemento in più, su come è strutturato il capoluogo dell’Emilia Romagna. Innanzitutto, Bologna è la sede della più antica università italiana, costruita nel 1088.

Da sempre fervido centro culturale, è una città ricca di storia e arte. Perfetta per chi vuole respirare un’aria cosmopolita, la città ospita studenti da ogni parte del mondo.

Per chi sta cercando una casa in affitto e pensa che lontano dal centro sia impossibile vivere, ecco la smentita. La teoria potrebbe essere valida per altre città italiane, ma non per Bologna. Le zone periferiche, infatti, oltre a essere molto più vantaggiose per i prezzi degli affitti, sono collegate in maniera ottimale grazie all’eccellente servizio di mezzi pubblici cittadino.

Per chi invece ha deciso di vivere solo in zone esclusive ed eleganti, allora la scelta si può indirizzare verso il centro storico e il Rione Costa/Saragozza. Panorami mozzafiato sui colli bolognesi, aree verdi,  palazzine e villette liberty, un’edilizia signorile ed elegante e negozi di brand molto noti saranno la costante della vita in città.