BOLOGNA PER “OPERAZIONE PANE”: CIBO E SPERANZA PER CHI NON HA DA MANGIARE

0
71

Quattro teatri bolognesi e oltre 50 ristoranti, emiliani e non solo, contribuiranno a donare la gioia di un pasto caldo e una speranza per un futuro più sereno a migliaia di persone che vivono in condizioni di povertà estrema. Le due iniziative solidali – “Teatri per Operazione Pane” e “Ristoranti per Operazione Pane” – si inseriscono nell’ambito di una campagna nazionale dell’Antoniano di Bologna in favore di 15 realtà francescane in tutta Italia e in Siria.

«Si tratta di un gesto molto generoso e importantissimo in un momento storico così difficile», sottolinea il direttore dell’Antoniano fr. Giampaolo Cavalli. «L’impegno solidale dei ristoranti e dei teatri di Bologna – aggiunge – si trasformerà in pane per chi non ha da mangiare, ma anche in speranza per il futuro. Il pasto, infatti, è il primo passo di un cammino che, partendo dall’ascolto, porta alla rinascita personale e sociale».
L’Antoniano, che da oltre 60 anni è casa e famiglia per chi attraversa momenti difficili, ogni anno mette in tavola, nella mensa “Padre Ernesto” di Bologna, più di 47mila pasti per i più fragili e sostiene, attraverso la campagna nazionale “Operazione Pane”, altre 14 realtà francescane, offrendo un sostegno concreto per l’erogazione quotidiana dei pasti e le successive attività di reinserimento sociale e lavorativo per le persone aiutate.
La campagna solidale “Operazione Pane” è sostenuta dal Teatro Comunale di Bologna, che metterà a disposizione dell’Antoniano un contingente di biglietti da offrire per assistere alle recite del dittico operistico Cavalleria rusticana e Pagliacci, in scena a dicembre. Il Comunale, inoltre, darà la possibilità ad un gruppo di volontari di assistere alle prove d’assieme dello spettacolo, per scoprire il fascino del “dietro le quinte” dell’allestimento di un’opera lirica.
Vicini alla campagna anche altri tre importanti teatri bolognesi: Teatro Duse, Teatro Celebrazioni e Teatro EuropAuditorium. Questi ultimi, in particolare, supporteranno l’iniziativa in occasione degli spettacoli “Alle 5 da me” (Teatro Duse – 29 novembre, ore 21; 30 novembre, ore 21; primo dicembre, ore 16), “Lo Schiaccianoci” (Teatro Celebrazioni – 20 dicembre, ore 21) e “Tilt” (Teatro EuropAuditorium – 31 dicembre, ore 21.45; 4 gennaio, ore 16.30 e ore 21; 5 gennaio, ore 16.30; 6 gennaio, ore 16.30). Seguendo i tre spettacoli, i cittadini potranno trascorrere una serata all’insegna della cultura dando anche un aiuto chi vive momenti difficili.
Gli oltre 50 ristoranti che hanno aderito all’iniziativa “Ristoranti per Operazione Pane” doneranno, invece, parte del ricavato di un pranzo, una cena, una giornata o un intero mese di attività alle 15 mense francescane sostenute dalla campagna solidale di Antoniano. All’iniziativa – per cui Antoniano ringrazia Chef to Chef Emilia Romagna, Federazione Italiana Cuochi, Tour-Tlen, Unione Cuochi Emilia Romagna e Unione Sammarinese Operatori del Turismo – hanno partecipato ristoranti dell’Emilia-Romagna, di Milano, Lonigo (Vi) e San Marino.
Dal 29 novembre al 24 dicembre sarà, inoltre, possibile sostenere “Operazione Pane” anche attraverso acquisiti solidali nei box 39 e 40 del Mercato delle Erbe di Bologna (Via Ugo Bassi, 25) nell’ambito dell’iniziativa la “Bottega dell’Antoniano”, sostenuta da Lavoropiù, agenzia per il lavoro di Bologna che rinnova il proprio sostegno alla Bottega per il terzo anno consecutivo. In questi spazi, completamente gestiti da volontari, sarà possibile trovare tante idee regalo solidali come ceste fai da te, panettoni, pandori, quaderni, tazze e anche delle utili borracce in alluminio griffate con i loghi di Lavoropiù e di Antoniano.
«Lo scorso anno – spiega il direttore dell’Antoniano di Bologna fr. Giampaolo Cavalli – grazie ad Operazione Pane siamo riusciti a garantire ben 140mila dei quasi 400mila pasti che ogni anno le mense francescane mettono in tavola per i più fragili e ad aiutare quasi 4mila persone a trovare un lavoro e a reinserirsi nella società, ma, tutti insieme, possiamo fare molto di più. Ogni aiuto, anche piccolo, è fondamentale, soprattutto in un momento storico che vede sempre più persone scivolare sotto la soglia di povertà».

Anche i singoli cittadini possono sostenere Operazione Pane: fino al 14 dicembre è, infatti, attiva una campagna sms solidale in favore del progetto solidale. Per offrire un contributo basta inviare un sms o fare una telefonata da rete fissa al numero solidale 45588.

Le realtà francescane italiane sostenute dall’iniziativa solidale si trovano a Roma, Palermo, Catanzaro, La Spezia, Genova, Torino, Verona, Bologna, Pavia, Monza, Milano, Lonigo, Voghera e Baccanello. Dallo scorso anno beneficia della campagna solidale anche una realtà francescana ad Aleppo, in Siria, dove ogni giorno vengono garantiti pasti, ascolto e aiuto alle famiglie che hanno subito il trauma della guerra e che adesso non hanno più nulla. Le persone sostenute nelle strutture italiane sono prevalentemente adulti che hanno perso il lavoro, italiani o stranieri che non riescono ad integrarsi nel tessuto delle nostre città e persone che non hanno una rete familiare di sostegno o che non sono conosciute dal servizio sociale territoriale.

«In Italia – sottolinea fr. Giampaolo Cavalli – ci sono oltre 5 milioni di persone che vivono in condizioni di povertà assoluta. Operazione Pane tiene unite le mense francescane e ci aiuta a non dimenticare nessuno: a mettere in tavola un pasto caldo per tutti e a fare in modo che le nostre porte restino sempre aperte».

La campagna solidale – sostenuta da Rai Responsabilità Sociale – è il cuore pulsante dello “Zecchino d’Oro” e ha nel Coro dell’Antoniano il suo primo portavoce. La manifestazione, che quest’anno andrà in onda su Rai Uno dal 4 al 7 dicembre, nasce, infatti, per diffondere i valori di pace, fraternità e speranza attraverso la musica e il canto dei bambini ed è da sempre legata al sostegno di questa iniziativa solidale in favore delle persone accolte dalle realtà francescane.

Per supportare “Operazione Pane” il 15 novembre è stata lanciata anche la speciale canzone “Più Amore”, donata ad Antoniano dal celebre cantante Gaetano Curreri. Il brano – arricchito dall’elaborazione musicale del Maestro Peppe Vessicchio e cantato dallo stesso Curreri con Mario Biondi, Amara e Il Coro dell’Antoniano – sarà incluso nella compilation della 62esima edizione dello Zecchino D’Oro, in uscita il 29 novembre.

Vicini alla campagna solidale anche chef di fama internazionale come Bruno Barbieri, che, con il noto bistrot bolognese Fourghetti, sosterrà la campagna devolvendo l’incasso di una serata all’iniziativa.

La campagna Operazione Pane è sostenuta anche da Radio Bruno, media partner dell’iniziativa solidale.

Per info su Operazione Pane: www.operazionepane.it
Per info su Antoniano onlus: onlus.antoniano.it/
Periodo: 17 novembre – 14 dicembre
Numero Solidale: 45588

Donazioni:

– 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulari Wind Tre, TIM, Vodafone, PosteMobile, Iliad, Coop Voce e Tiscali;
– 5 euro per le chiamate da rete fissa TWT, Convergenze e PosteMobile;
– 5 o 10 euro da rete fissa TIM, Vodafone, Wind Tre, Fastweb e Tiscali.

È possibile donare anche con carta di credito e bonifico bancario attraverso l’App e il Portale Web “DonaconTIM” donacontim.gruppotim.it o sul sito del progetto www.operazionepane.it
TEATRI PER OPERAZIONE PANE. Il Teatro Duse, il Teatro Celebrazioni, il Teatro EuropAuditorium e il Teatro Comunale di Bologna sostengono Operazione Pane. Se vuoi sostenere anche tu la campagna solidale, vai a teatro in una di queste date: donerai una speranza a chi è più sfortunato.
TEATRO DUSE – “Alle 5 da me”
29 novembre, ore 21
30 novembre, ore 21
1° dicembre, ore 16

TEATRO CELEBRAZIONI – “Lo Schiaccianoci”
20 dicembre, ore 21

TEATRO EUROPAUDITORIUM – “Tilt”
31 dicembre, ore 21.45
4 gennaio, ore 16.30 e ore 21
5 gennaio, ore 16.30
6 gennaio, ore 16.30