“Concerti Parlanti”: alla scoperta del futuro post-Covid attraverso il binomio musica e scienza

0
78

Canzoni che raccontano il futuro (dopo la pandemia) fra musica e scienza: una combo insolita che porterà sul palco del Cà de’ Mandorli di San Lazzaro di Savena due spettacoli inediti e artisti del calibro di Barbara Cola e Alessandro Zannier (noto anche con lo pseudonimo Ottodix), insieme a uomini e donne di scienza fra cui Vittorio Sambri (microbiologo, infettivologo) e Annalisa Pelizza (sociologa), il prof. Dario Braga (presidente dell’Associazione Parliamone Ora), Michele Rugo (psichiatra del centro Dedalus).

“Concerti Parlanti” fa parte di Bologna Estate 2020, il cartellone di attività promosso e coordinato dal Comune di Bologna e dalla Città Metropolitana di Bologna-Destinazione Turistica. In collaborazione con il centro di psicanalisi Dedalus, associazione ParliamoneOra, con il Patrocinio di Comune di San Lazzaro di Savena (www.artheaeventi.it/arthea-lab).

«Faremo dialogare musica e scienza per trattare argomenti che riguardano tutti ma con un approccio nuovo – spiega Caterina Praderio, ideatrice del progetto “Concerti Parlanti” – Se mi chiedete perché ho deciso di organizzare questo genere di spettacoli la risposta è che credo che gli artisti abbiano la capacità di comunicare in maniera molto efficace temi importanti. Penso che questo periodo storico così “strano” richieda un cambiamento radicale da parte di ognuno di noi per salvare il nostro futuro, e ognuno ritengo possa fare il proprio pezzetto di dovere. Noi lo sappiamo fare così, e mi piacerebbe che gli artisti contribuissero ai cambiamenti con le loro numerose qualità».

Martedì 8 settembre al Cà de’ Mandorli sarà protagonista la grande Barbara Cola (martedì 8 settembre, dalle 21.0o), una voce eccezionale accompagnata dalle musiche di Eleonora Beddini, co-ideatrice del progetto “Futuri Possibili” insieme a Caterina Praderio: «Il palco di questa sera, è un susseguirsi di brani di grandi stelle della musica che hanno lasciato le loro tracce davvero profondissime (e alcuni ancora le rinnovano e approfondiscono), scolpite nel cuore di tutti – anticipa Barbara Cola – Il mio auspicio per un futuro possibile è quello di ricominciare una vita più attenta, profonda ed empatica. Affrettiamoci a viverla bene ma “lentamente”, ad entrare con attenzione “nei panni degli altri”, cosa che sarebbe bello se tutti facessimo più spesso». E il riferimento strizza l’occhio alla recente partecipazione dell’artista alla decima edizione del programma Rai Tale e quale show condotta da Carlo Conti, ma anche al suo prossimo lavoro da insegnante.

«Questo folle mondo ha bisogno della Musica. Buona musica a tutti» Barbara Cola

L’obiettivo della serata è dunque quello di raccontare il futuro attraverso la musica elettronica, i cantautori italiani, le vecchie e le moderne sonorità. Barbara Cola, sarà accompagnata dalle musiche di Eleonora Beddini, co-ideatrice del progetto “Futuri Possibili” insieme a Caterina Praderio e preceduta dall’intervento del dottor Michele Rugo dell’associazione Dedalus.

Venerdì 11 settembre è la volta dello spettacolo Entanglement di Alessandro Zannier alias Ottodix. Un progetto che, uscito in piena pandemia, ha mostrato subito il suo sconcertante valore profetico nei contenuti.

Entanglement, legato all’album di Ottodix e alle relative operazioni artistiche collegate, racconta tra musica elettronica e sonorità “alla Battiato”, l’epoca dell’iperconnessione globale in cui siamo immersi, del concetto di causa-effetto immediata che gli eventi hanno ormai su scala planetaria, dalle pandemie all’inquinamento, dai mutamenti ambientali alla macroeconomia, fino alle fake-news e alle informazioni virali. I contenuti hanno messo questo album al centro di discussioni che vanno ben oltre alla musica e ha dato vita a dibattiti in ambito universitario, architettonico-ambientale e start-up per una nuova concezione di eventi live, a tal punto da aver ispirato nel nome un’operazione interdisciplinare formata da un pool di docenti, architetti, giornalisti, direttori di fondazioni, musicisti e addetti allo spettacolo per ragionare sulla ripartenza degli eventi post Covid-19.

«Entanglement è stato preso come live-test per studiare nuove soluzioni di spettacolo e nuove filosofie di ascolto – spiega Alessandro Zannier (Ottodix) dando il nome a una équipe che fa capo alla piattaforma Riavviaitalia.it e a Urbanexperience.

A inizio serata (ore 21.00) interverranno i docenti universitari, prof Vittorio Sambri (microbiologo, infettivologo) e Annalisa Pelizza (sociologa); il prof. Dario Braga, presidente dell’Associazione Parliamone Ora, sul tema dell’iperconnessione – dalla infodemia – della pseudoscienza.

Entrambe le serate sono a ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria

Il programma di martedì 8 settembre 2020 – Barbara Cola

Ore 21.00 introduzione a cura dell’associazione Dedalus.

Ore 21.30 concerto presso Ca’ de Mandorli, via Idice 24, San Lazzaro di Savena

Barbara Cola: voce

Eleonora Beddini: arrangiamenti, direzione e tastiera

Basak Canseli Çifci: violoncello

Posti limitati e prenotazione obbligatoria causa norme Covid 19, su: arthea.lab@gmail.com

Il programma di venerdì 11 settembre 2020 – Entanglement

Ore 21.00 introduzione a cura dell’associazione ParliamoneOra.

Ore 21.40 concerto presso Ca’ de Mandorli, via Idice 24, San Lazzaro di Savena

Posti limitati e prenotazione obbligatoria causa norme Covid 19, su: arthea.lab@gmail.com

(con oggetto Entanglement 11 settembre)

L’associazione Arthea-lab nasce nel 2016 e, sotto la denominazione Il laboratorio delle arti, organizza laboratori di musical, musica d’insieme, scenografia, comunicazione per lo spettacolo che hanno lo scopo di educare i giovani al lavoro di gruppo. Tramite installazioni musicali e visive, e concerti divulgativi, Arthea-lab vuole comunicare contenuti utili verso un pubblico ampio, veicolare messaggi importanti utilizzando un linguaggio differente, empatico, apparente semplice e immediato, ma di grande efficacia emotiva. Negli ultimi anni Arthea-lab ha vinto diversi bandi fra i quali Bologna Estate e Talenti e Contributi, con i quali abbiamo potuto iniziare a sviluppare questo desiderio di utilità sociale. La collaborazione con il centro di psicanalisi Dedalus e con l’associazione ParliamoneOra è ormai una collaborazione stabile e proficua.

Visto il periodo non facile per gli operatori dello spettacolo, saremmo lieti di ricevere nuove adesioni alla nostra associazione, per contribuire ai futuri progetti, per chi vorrà sarà possibile associarsi in loco. Costo della tessera: 10€