Giuseppe Verdi: l’Italia è servita. Una figura cruciale tra cultura e storia nella conferenza di Marco Raspanti

0
264

Una vita durata ben 88 anni, nella quale, come pochi altri nel suo tempo, ha potuto contribuire nel ruolo di figura culturale al verificarsi di eventi storici irripetibili: è da questa prospettiva che Marco Raspanti inquadrerà uno dei più grandi compositori di ogni tempo nella conferenza “Giuseppe Verdi: l’Italia è servita. La colonna sonora d’Italia, in carrozza tra Risorgimento e Belle Epoque”, in programma venerdì 17 gennaio alle ore 17.00 in Casa della Conoscenza (Via Porrettana, 360 – Casalecchio di Reno) – Piazza delle Culture.

Verdi nacque a Busseto nel 1813, nei mesi delle ritirate napoleoniche dal Ducato di Parma, e morì a Milano nel 1901, pochissimi anni prima della Grande Guerra: lungo tutto il XIX secolo la sua figura affiancò la travagliata rinascita del nostro Paese, dal periodo risorgimentale al Regno d’Italia, di cui fu deputato nel primo parlamento unitario e poi senatore dal 1874 alla morte (sotto tre diversi sovrani), in un collegamento tra evoluzione musicale e storica di cui Raspanti evidenzierà i momenti più importanti.

La conferenza, curata dall’Associazione Amici della Primo Levi – Valle del Reno in collaborazione con la Biblioteca C. Pavese, è a ingresso libero e con diretta streaming sul canale Youtube di Casa della Conoscenza, nel quale resterà successivamente disponibile la videoregistrazione.

Marco Raspanti, nato nel 1974 e diplomato in corno al Conservatorio nel 1996, da circa 20 anni affianca all’insegnamento musicale delle scuole medie la divulgazione tra gli adulti della cultura musicale, con particolare predilezione per quella lirica e operistica; accompagnandosi al pianoforte o con filmati ha condotto circa 500 incontri a tema, dal periodo pre-rossiniano al verismo di Puccini e Mascagni.