Il 26 aprile riapre l’Oratorio di San Filippo Neri con ALESSIO BONI

0
87

Come già successo dopo il primo lock down, anche questa volta Mismaonda, che gestisce l’Oratorio di San Filippo Neri della Fondazione del Monte, si è fatta trovare pronta per aderire immediatamente alla riapertura dei teatri e dei luoghi di spettacolo.
Dopo 5 mesi passati a narrare il mestiere dei lavoratori dello spettacolo attraverso i 10 video racconti realizzati con i registi Mellara e Rossi, tuttora disponibili sui canali web e social dell’Oratorio e della Fondazione (18.000 visualizzazioni per il Teatro delle Ariette, Alessandro Bergonzoni e Riccardo Rodolfi, Paolo Fresu e Luca Devito, gli Oblivion, Lodo Guenzi e Nicola Borghesi, Roberta Giallo e Valentino Corvino, la compagnia Fanny & Alexander, Vittorio Franceschi e Matteo Soltanto, Simona Bertozzi e Aristide Rontini, Marco e Mirto Baliani), ora finalmente si torna in scena. Dal vivo.
Perché se è vero che quest’esperienza ci ha fatto fare passi da gigante in ambito digitale e tecnologico, è altrettanto vero che abbiamo tutti sperimentato la solitudine cui ci consegna la mancanza di occasioni di comunione com’è quella del teatro.

Il 26 aprile quindi, alle ore 20, per consentire il rispetto del coprifuoco (l’evento durerà un’oretta), sarà proprio un lavoratore dello spettacolo a festeggiare con noi la riapertura del San Filippo Neri, ALESSIO BONI.
Attore di successo sia in teatro (acclamato sui palchi di tutt’Italia il suo ultimo “Don Chisciotte”) che al cinema e in tv (è già partita la seconda serie de “La compagnia del cigno”, RAI 1, di cui è l’amato protagonista), ha approfittato del lock down per dare alle stampe il suo primo libro, “Mordere la nebbia”.
E’ la storia di un ragazzo che si sentiva stretto nella vita disegnata per lui dal destino, nella piccola borghesia bergamasca, e che attraverso tentativi, errori e sacrifici ha scoperto e inseguito la sua vocazione di attore. Il percorso di un uomo che ha imparato a conoscere se stesso anche attraverso i personaggi interpretati sulla scena e sullo schermo, da Don Chisciotte a Caravaggio, da Ulisse al principe Bolkonskij. Ed è anche la storia di un cittadino del mondo che ha deciso di incontrare vite lontane: quelle di chi lotta ogni giorno in condizioni estreme, nei luoghi che ha visitato insieme alle missioni umanitarie, dal Brasile al Malawi, da Lesbo a Haiti.

IL PROGRAMMA maggio/giugno 2021

Il San Filippo Neri riaprirà poi per Art City ospitando la mostra di Sabrina Mezzaqui curata da Maura Pozzati dal 5 al 9 maggio e a seguire prenderà il via la programmazione del LabOratorio. Si comincerà dando spazio per una settimana, dall’11 al 16 maggio, alla vivace creatività del festival teatrale 20 30. Quindi verranno recuperati gli artisti che la pandemia aveva bloccato, cui è stato chiesto di portare spettacoli ideati e provati in questo periodo fermo. Saranno Maurizio Cardillo, Angela Malfitano, Francesca Mazza, Marco Cavicchioli e, di provenienza romana, il collettivo di stand up comedy tutto al femminile UGO.
Staneremo dall’asfissia del web e dei social due giovani attori che con la loro fresca comicità ci hanno tenuto compagnia dietro gli schermi dei nostri device, Annagaia Marchioro e Claudio Morici.
E ospiteremo altri attori prestati all’editoria: Dario Vergassola con “Storie vere di un mondo immaginario” (La nave di Teseo); Gene Gnocchi “Il gusto puffo”, Paolo Rossi, “Meglio dal vivo che da morto” (Solferino).

L’uscita del libro curato da Alessia Capelletti “Faccio musica” (Piemme) dedicato ad Ezio Bosso, sarà l’occasione per ricordare, anche con un omaggio musicale, il grande maestro recentemente scomparso.

Due appuntamenti saranno invece dedicati alle celebrazioni dantesche: lo spettacolo con Ivano Marescotti “Vita Nuova – Dante Reloaded” con le musiche di Marianne Gubri all’arpa elettrica, il live electronics di Roberto Passuti e “A riveder le stelle, tre studi per voce e live electronics” con Gabriele Duma e un ensamble musicale con Giuseppe Sigismondi, Paolo Ingrosso e Antonella Franceschini.

Tutti gli eventi si terranno alle ore 20.
L’ingresso è gratuito, previa prenotazione obbligatoria:
Mail oratoriosanfilipponeri@mismaonda.eu
Sms / whatsapp 349 761 9232