“Insieme per il Lavoro” in lizza per gli European Enterprise Promotion Awards 2019

0
33

Il progetto Insieme per il Lavoro è stato selezionato dal Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) per rappresentare l’Italia agli European Enterprise Promotion Awards 2019. La buona notizia è arrivata ieri, il progetto bolognese ha superato la prima fase di selezione nazionale ed è dunque ammesso alla fase finale nella quale una giuria di alto profilo selezionerà il progetto con il carattere più creativo ed esemplare per quanto concerne la promozione dell’imprenditorialità in Europa.
I vincitori dell’edizione 2019 saranno proclamati il prossimo 26 novembre a Helsinki, nell’ambito dei lavori della SME Assembly, il più significativo evento europeo per le Piccole e medie imprese.

Il contest è promosso dalla Direzione generale del Mercato interno, industria imprenditoria e PMI della Commissione europea e nasce per identificare e riconoscere le iniziative più efficaci per la promozione dell’impresa e dell’imprenditorialità in Europa. Si pone inoltre l’obiettivo di evidenziare le migliori politiche e pratiche dell’imprenditorialità, sensibilizzando il valore aggiunto del fare impresa in modo responsabile oltre a incoraggiare e ispirare la nascita di nuovi imprenditori.

Il progetto bolognese è in lizza, in particolare, per la categoria “Imprenditorialità responsabile e inclusiva”, che riconosce le iniziative nazionali, regionali o locali di autorità o partenariati pubblico-privati capaci di promuovere la responsabilità sociale d’impresa nell’ambito delle piccole e medie imprese. Questa categoria riconosce altresì gli sforzi volti a promuovere l’imprenditorialità tra i gruppi svantaggiati, come disoccupati, in particolare quelli a lungo termine, migranti regolari, disabili o persone appartenenti a minoranze etniche.

Soddisfatto l’assessore al Lavoro e al Progetto “Insieme per il Lavoro”, Marco Lombardo: “Il riconoscimento da parte del Ministero conferma la bontà del progetto Insieme per il Lavoro e ci rende orgogliosi di poter rappresentare l’Italia nel contesto europeo. L’inserimento lavorativo delle persone fragili è una nostra priorità politica e amministrativa. L’obiettivo degli inserimenti è raggiungibile solo partendo dai bisogni delle imprese e dai bisogni delle persone, in modo da offrire loro servizi di accompagnamento e formazione mirati a creare posti di lavoro. È fondamentale, inoltre, ragionare in una logica di sistema, che riesca a tenere insieme le amministrazioni pubbliche, la Curia, le imprese e le organizzazioni sindacali”.

Le altre categorie sono Promozione dello spirito imprenditoriale, Investimento nelle competenze imprenditoriali, Sviluppo dell’ambiente imprenditoriale, Sostegno all’internazionalizzazione delle imprese e Sostegno allo sviluppo di prodotti “green” e all’efficienza delle risorse.