ISTITUZIONE BIBLIOTECHE – MOSTRE IN CORSO

0
366

Fino al 20 dicembre
Biblioteca Amilcar Cabral presso Istituto storico Parri – Museo della Resistenza di Bologna, Via Sant’Isaia, 20
Che razza di storia. come il razzismo non invecchia mai. Sei percorsi fotografici che raccontano le storie dei migranti nell’Italia e nell’Europa di oggi, allestiti a fianco ad un’antologia dell’Offesa della razza, mostra documentaria sul razzismo del ventennio fascista a cura dell’IBC della Regione Emilia Romagna. Per una riflessione sull’odissea delle migrazioni che non sia immemore della storia del razzismo italiano. La mostra L’offesa della razza è a cura dell’IBC della Regione Emilia Romagna. con il patrocinio dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna. Mostra a cura di: Istituto storico Parri, Centro Amilcar Cabral, Exaequo bottega del mondo, Cospe onlus. Orari: lunedi-venerdi 15.30 – 18.30 – sabato 10 – 13. Ingresso libero
Informazioni e prenotazioni: Biblioteca Cabral tel. 051.581464 – amicabr@comune.bologna.it.
Istuituto storico Parri – info@museodellaresistenzadibologna.it.
Per percorsi guidati a gruppi e scuole la prenotazione è obbligatoria.
Info: bit.ly/2WNshgh

fino  al 21 dicembre
Biblioteca Salaborsa, Sala Scuderie, piazza del Nettuno 3
Storie di colonia. Racconti d’estate dalla Bolognese 1932 – 1977. Mostra sui racconti d’estate dalla colonia marina bolognese di Miramare. Tentativi di fughe falliti, trofei vinti alle olimpiadi della spiaggia, il ricordo della suora arcigna, la memoria del compagno di giochi: questo e molto altro è ciò che la mostra Storie di Colonia. Racconti d’estate dalla Bolognese 1932 – 1977, raccoglie grazie alle testimonianze di quelli che l’hanno vissuta da bambini negli anni cinquanta. La mostra scaturisce da un progetto di riutilizzo di una parte della Colonia Bolognese di Miramare che, dopo aver accolto per decenni generazioni di bambini, era diventata un luogo abbandonato e in grave stato di degrado.
Info: bit.ly/2s25To7

fino  al 23 dicembre
Biblioteca Salaborsa Ragazzi, Spazio Adolescenti, piazza del Nettuno 3
Quando tutto cambia. Una mostra di libri che raccoglie i titoli selezionati per il progetto “Quando tutto cambia”.  A partire dai fumetti delle autrici ospiti, si sviluppano quattro percorsi di lettura che spaziano tra i linguaggi – non solo graphic novel, ma anche romanzi, film, poesie e serie tv – ed esplorano quattro temi: la scoperta di sé, la scoperta dell’altro, il corpo e l’identità.
Promosso da Comune di Bologna U.I. Pari Opportunità, Tutela delle Differenze, Contrasto alla Violenza di Genere. A cura di Hamelin, in collaborazione con Biblioteca Salaborsa Ragazzi, Centro delle donne / Biblioteca Italiana delle donne, Reale Ambasciata di Norvegia, NORLA – Norwegian Literature Abroad , Coconino Press – Fandango, Canicola. In occasione della Settimana dei Diritti dell’Infanzia e dell’adolescenza 2019. Mostra visitabile negli orari di apertura della biblioteca.

fino al 6 gennaio
Biblioteca dell’Archiginnasio, Quadriloggiato Superore, Piazza Galvani, 1
Ghirardacci500. Mostra curata da Paola Foschi in occasione delle celebrazioni del Quinto Centenario della nascita di Cherubino Ghirardacci.
Religioso agostiniano, storico e storiografo, erudito, miniatore e cartografo, Ghirardacci incarna una complessa figura di intellettuale che attraversa le vicende politiche, religiose, storiche e artistiche cittadine per tutto il Cinquecento. La mostra e la giornata di studi ad essa collegata vuole sondare i suoi rapporti con le cerchie di intellettuali sostenute dal cardinale Gabriele Paleotti, con storici, religiosi, artisti, tipografi e colti eruditi della seconda metà del Cinquecento. La mostra intende inoltre proporre le sue opere storico-religiose e mostrare i rapporti fra queste e le discipline visive (pittura, architettura e cartografia). Visitabile gratuitamente negli orari di apertura del palazzo dell’Archiginnasio.
Info:bit.ly/2OIGUiC

fino all’11 gennaio 2020
Biblioteca Casa di Khaoula, Via di Corticella, 104
Dipsomania. Mostra d’arte 2019-2020 di Rita Tantucc, diplomata in pittura e decorazione all’Istituto Superiore di Belle Arti di Chișinău (Moldavia), è pittrice e poetessa.
Ha effettuato varî restauri in Italia, tra cui un affresco su soffitto a Follonica, località ove ha prodotto quadri su commissione, impartito lezioni private di pittura, gestito la galleria d’arte “Il Castello Bianco” e tenuto alcune mostre. Vive ora a Bologna, dove ha partecipato alla mostra “Arte a palazzo” presso la Galleria Farini (nel febbraio 2018) ed è stata fra i fondatori del gruppo di liberi lettori “Il cappello nel verso”, che organizza il ciclo d’incontri poetici “Palestra di poesia al Navile”.
La mostra si potrà visitare durante l’orario di apertura della biblioteca.
Info: bit.ly/2YaWYN6

fino al 11 gennaio 2020
Biblioteca Salaborsa, Piazza Coperta, piazza del Nettuno 3
La mostra dal titolo Giorgio Guazzaloca, un bolognese, si sviluppa con un percorso fotografico composto da oltre 250 pezzi esposti, arricchito da cimeli personali, che ricostruisce la vicenda personale di un personaggio emblema della bolognesità: l’amore per il calcio e la maglia rossoblù, il giornalismo e la letteratura, l’impegno associativo. La mostra è visitabile gratuitamente negli orari di apertura della biblioteca.
Info: bit.ly/2sGsGWT

fino al 7 febbraio 2020
Biblioteca Corticella-Luigi Fabbri, via Gorki, 14
Mostra fotografica colletiva ” Bologna… col naso all’ insù” del  gruppo fotografico “Il Mantice” DLF Bologna. La mostra sarà visitabile nei consueti orari di apertura della biblioteca. Ingresso gratuito
info: bit.ly/2t3IYt6

fino al 16 febbraio 2020
Biblioteca dell’Archiginnasio, Quadriloggiato Superiore Piazza Galvani, 1
Pane e salame. Immagini gastronomiche bolognesi dalle raccolte dell’ArchiginnasioMostra a cura di Alessandro Molinari Pradelli con la collaborazione di Marcello Fini .
La mostra è dedicata a due elementi fondamentali e caratteristici della gastronomia petroniana, il pane e i salumi. La loro evoluzione storica verrà illustrata nelle undici bacheche della mostra attraverso disegni, incisioni, libri, opuscoli e bandi. Partendo, per esempio, dalle celebri incisioni di Annibale Carracci delle Arti per via, e passando per la copiosa produzione artistica di Giuseppe Maria Mitelli, arriveremo fino al Novecento, con i disegni di Alessandro Cervellati.
Tutto il materiale esposto, sia quello mostrato in originale sia quello che è stato riprodotto per motivi di conservazione, proviene dalle collezioni della Biblioteca dell’Archiginnasio.
Durante il periodo di apertura della mostra, sono in programma visite guidate gratuite condotte dal curatore alle ore 17 di mercoledì 4 dicembre, venerdì 20 dicembre, mercoledì 8 gennaio, mercoledì 22 gennaio, giovedì 6 febbraio.
La mostra è visitabile gratuitamente durante gli orari di apertura del palazzo dell’Archiginnasio.
Info: bit.ly/33ujKAG