LA GRANDE TRADIZIONE MUSICALE SPAGNOLA E IL CINEMA DI CHAPLIN CHIUDONO LA STAGIONE CONCERTISTICA 2018-19 DI SAN COLOMBANO

0
154

Anche quest’anno Genus Bononiae. Musei nella città organizza in collaborazione con il Real Collegio di Spagna di Bologna il consueto appuntamento con le giornate dedicate alla cultura spagnola, che concludono con un programma di concerti la stagione concertistica 2018-2019 di San Colombano – Collezione Tagliavini.

La rassegna si apre con il concerto di giovedì 6 giugno alle 20.30 a San Colombano (via Parigi, 5): saranno Liuwe Tamminga, Direttore di San Colombano e il Maestro Guy Bovet, organista svizzero, già professore presso la Musikhochschule di Basilea, ad eseguire le musiche di Pedro José Blanco, José Barrera, Francisco Olivares, Diego Gallardo e Antonio Soler scritte per due organi. Per l’occasione verranno utilizzati un organo e un regale della Collezione Tagliavini (ingresso previo ritiro del coupon gratuito presso la portineria di San Colombano). 

Protagonista di venerdì 7 giugno alle 18, sempre a San Colombano, è il Tango, con la Gran Tango Orchestra che eseguirà musiche sudamericane di Cobian, Rovira, Piazzolla e tanti altri, con due bandoneon – strumento fondamentale delle orchestre di tango argentino -, violino, contrabbasso e pianoforte (ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento dei posti disponibili).

Gran finale delle Giornate di cultura spagnola presso il Real Collegio di Spagna (via Collegio di Spagna, 4) sabato 8 giugno alle 19.00, con il concerto interamente dedicato alle composizioni del celebre organista spagnolo Juan Cabanilles (1644-1712). All’organo il Maestro Guy Bovet si esibirà sullo strumento del 1688 appartenuto a Josè de Sesma (ingresso solo su prenotazione all’indirizzo email eventi@genusbononiae.it).

Un fuoriprogramma è invece quello della serata di domenica 9 giugno alle 21.00, con il cinema muto che arriva a San Colombano grazie alla collaborazione con la Fondazione Cineteca di Bologna: saranno proiettati due cortometraggi di Charlie Chaplin – Easy Street (1917) e The Adventurer (1917) – accompagnati dalle improvvisazioni musicali del maestro Liuwe Tamminga (ingresso libero fino esaurimento dei posti disponibili).