LabOratorio di San Filippo Neri – BRUNO DAMINI L’UOVO DI MARCELLO

0
181

Venerdì 5 APRILE alle ore 20.30 al LabOratorio di San Filippo Neri: 

BRUNO DAMINI L’UOVO DI MARCELLO
FAME E FAMA DALLA VOCE DI GRANDI ATTORI

Ingresso libero

«Cos’è la fame per te?». Così Bruno Damini apriva le interviste agli ottanta protagonisti della scena teatrale e del cinema italiano nella prima metà degli anni Novanta evocando ricordi di “gavetta” degli inizi, profumi di cucina dell’infanzia, interpretazioni legate alla fame e al cibo, ricette e passioni golose.

Da quelle registrazioni di inedite voci narranti, incise su audiocassetta e poi convertite in digitale, Damini ricostruisce una singolare affresco del mondo teatrale e del percorso di affrancamento dei suoi protagonisti dall’atavica ‘‘fame dell’attore”.

In occasione della serata del 5 Aprile al LabOratorio San Filippo Neri, introdotta dal giornalista Claudio Cumani e condotta e commentata dall’autore col supporto di immagini inedite saranno protagoniste le voci di: Marcello Mastroianni (Mi cuocevo l’uovo al tegamino usando il coperchio del lucido Brill come fornelletto), Mariangela Melato (Mi sono nutrita di teatro), Leo de Bernardinis (Le cantine romane, mangiando carne in scatola), Carmelo Bene (La mia non-cucina è come il teatro non guarnito), Giorgio Gaber (Un qualunquista a tavola).

Dal corpus delle registrazioni, inoltre le voci di nove interpreti altamente rappresentativi del teatro, ma anche del cinema italiano del Novecento, precedute da brevi introduzioni dell’autore, sono andate in onda nell’estate del 2018 in nove puntate settimanali all’interno del programma Pantagruel di Radio3, nella rubrica Le tavole del palcoscenico. Racconti d’attore tra fame e fama curata da Laura Palmieri.

Da quelle trasmissioni prende spunto il volume L’UOVO DI MARCELLO FAME e FAMA dalla voce di grandi attori recentemente edito da Minerva.

BRUNO DAMINI, giornalista-scrittore, parmigiano di nascita, bolognese d’adozione. Fino al 2013 è stato Direttore Comunicazione e Marketing dell’Arena del Sole-Nuova Scena-Teatro Stabile di Bologna. 
Da libero professionista elabora progetti e strategie di comunicazione e marketing in ambiti che spaziano dal socioculturale all’enogastronomico. Amante della cucina praticata, considera il buon cibo e il convivio come sublimazioni dell’arte di comunicare. Fra una portata e l’altra coltiva la passione per la lettura, la scrittura, la musica e l’arte. Predilige frequentare i ristoranti dalla parte delle cucine e agli inviti nei salotti preferisce quelli nelle cantine. Ritrova nella disciplina dello yoga equilibri altrimenti inarrivabili.

Ha il privilegio d’osservare il mondo attraverso gli occhi di sua figlia. Da quando ha fatto il baciamano a Jeanne Moreau ha ricordi sfocati di tutto il resto.