L’AGENDA DEL GIORNO “QUESTO” – L’ULTIMO MOJITO (di Stefania Chiarioni)

0
106

Il 6 settembre 2019 è il 249° giorno dell’anno e la Chiesa ricorda San Zaccaria. Il sole sorge alle 6,39 e tramonta alle 19,34. La luna è al primo quarto.
Il 6 settembre 2010, da un’indagine dell’amministrazione cinese dell’aviazione civile, emerse che, oltre 200 piloti avevano falsificato i loro curricula per ottenere l’assunzione. Il 24 agosto dello stesso anno, un aereo della Henan Airlines si era schiantato nella cittadina di Yichon, nella periferia nord-est della Cina. L’aereo ospitava 96 persone a bordo, 42 delle quali morirono. Da quel momento ebbero inizio le inchieste da parte degli organi di stato anche perché erano ben 6 anni che in Cina non si verificavano incidenti aerei. L’ipotesi più plausibile che corrispondesse alla causa dell’incidente, fu l’errore umano. Motivo per cui le indagini rivelarono l’inganno di 200 piloti che, per ottenere l’assunzione, dichiararono più ore di volo rispetto a quelle richieste, vantando un’esperienza mai accumulata, esponendo gli ignari passeggeri a rischi piuttosto evidenti.
C’è chi modifica o falsifica il curriculum per ottenere posizioni di rilievo, chi, invece non cela le proprie esperienze lavorative e titoli di studio apparentemente non idonei alla carriera che si desidera intraprendere. Teresa Bellanova, è ministro dell’agricoltura del governo Conte-bis: nata a Ceglie Messapica (BR) nel 1958, per quasi 30 ha lavorato nel sindacato approdando in politica nel 2005. Il suo titolo di studio corrisponde a quello di terza media. Ha accumulato esperienza lavorando prima come bracciante, in seguito tutelando i lavoratori di quel settore, impegnandosi, inoltre, nella lotta contro il caporalato.
Non sempre una scarsa o mancata istruzione accademica determina il successo o il buon operato. Einstein non venne ammesso al Politecnico di Zurigo perché non possedeva una regolare licenza media. Alberto Sordi venne espulso e bocciato all’Accademia dei Filodrammatici. Rita Levi Montalcini non brillava né in matematica, né in fisica alle scuole medie. Tolstoj non riuscì mai ad ottenere la laurea in giurisprudenza. Margherita Hack, in terza media, venne rimandata in matematica. Le illustri figure menzionate, nell’immaginario poetico collettivo, risulterebbero essere geni incompresi agli albori della loro carriera, con alle spalle poi fallimenti e insuccessi. La loro genialità è stata nella forza di aver lavorato quotidianamente costruendo una salda impalcatura, tale per cui non ha rischiato di crollare così facilmente, nemmeno dopo un mojito.