Museo Morandi, per il tribunale civile il Comune ha rispettato le volontà della sorella del grande artista bolognese

0
112

La prima sezione civile del tribunale di Bologna ha deciso che il Comune di Bologna abbia rispettato le volontà della signora Maria Teresa Morandi, sorella di Giorgio Morandi, quando la collezione di opere del fratello è stata trasferita al MAMbo nel 2012, durante il primo mandato del sindaco Virginio Merola. In questo modo sono state respinte le domande proposte nella causa civile di primo grado dall’avvocato Elisabetta Brunelli e dal “Comitato di volontariato per il Ripristino del Museo Morandi a Palazzo d’Accursio”.

La sentenza è dello scorso 3 marzo e riconosce la correttezza dell’operato del Comune di Bologna sulla base del fatto che nell’atto di donazione del 1991 la signora Morandi “ha tenuto ben distinti lo scopo della donazione da un lato e le clausole regolatrici dall’altro”. Per il tribunale la realizzazione di una sezione specifica all’interno del MAMbo, dedicata alle opere del grande artista bolognese, rispetta queste volontà tenuto conto che anche il signor Carlo Zucchini (nominato dalla sorella custode di questi adempimenti) ha condiviso la scelta del Comune. La sentenza sottolinea che il MAMbo è una “sede prestigiosa in un luogo facilmente raggiungibile anche a piedi e all’interno della cerchia muraria cittadina”.

Esprime soddisfazione l’assessore alla cultura Matteo Lepore: “ E’ una conferma della validità di una scelta che questa amministrazione ha compiuto e per questo vorrei ringraziare il Consiglio di amministrazione dell’Istituzione Bologna Musei che già nel 2017, quando la causa è stata promossa, si era espresso a favore della permanenza del Museo Morandi nell’edificio dell’ex Forno del Pane”.