“Non potevamo non fare niente”. Una mostra sulle donne deportate inaugura le iniziative per il Giorno della Memoria a Casalecchio

0
135

L’Amministrazione comunale, con il coordinamento del Servizio Casalecchio delle Culture e in collaborazione con le associazioni del Tavolo di coprogettazione della Memoria Civile, ricorda anche nel 2020, con un ricco calendario di iniziative per le scuole e il pubblico, il Giorno della Memoria, che il 27 gennaio di ogni anno ricorda le vittime della Shoah, delle deportazioni e degli stermini nazifascisti.

Inaugura martedì 21 gennaio nell’Atrio di Casa della Conoscenza (Via Porrettana, 360 – Casalecchio di Reno) “‘Non potevamo non fare niente’. La Resistenza della famiglia Baroncini”, una mostra fotodocumentaria che ricorda le vicende di 130.000 donne, da oltre 40 nazioni, deportate nel campo di concentramento nazista di Ravensbrück, a nord di Berlino.

La mostra dedica un’attenzione particolare alla famiglia Baroncini di Bologna, che ha pagato un tributo altissimo alla lotta contro il nazifascismo: Adelchi Baroncini, la moglie Teresa Benini e le figlie Jole, Angela e Nella furono tutti arrestati dalla Gestapo il 24 febbraio 1944 per aver stampato clandestinamente pubblicazioni e volantini politici antifascisti, e poi trasferiti a Fossoli per la deportazione in Germania. Adelchi morì nel lager di Mauthausen, mentre le quattro donne furono deportate a Ravensbrück, da cui solo Angela e Nella riuscirono a tornare. Proprio pochi giorni fa il Comune di Bologna ha dedicato ai membri della famiglia Baroncini cinque Pietre d’inciampo (Stolpersteine), collocate davanti alla loro casa di via Rimesse 25.

La mostra, allestita in collaborazione con ANED – Associazione Nazionale Ex Deportati Bologna, sarà visitabile liberamente fino a venerdì 31 gennaio, negli orari di apertura di Casa della Conoscenza, da martedì a venerdì 9.00-19.30 e sabato 9.00-19.00; su richiesta sarà possibile acquistare il catalogo della mostra.

Durante il periodo di apertura sono già state organizzate 8 visite guidate per le classi delle scuole secondarie di primo grado, condotte da alcune studentesse e studenti del Liceo “L. da Vinci”, guidati dal docente Filippo Pangallo, che hanno seguito un corso di formazione con esperti di ANED.

Tra le altre iniziative per il Giorno della Memoria 2020, il ciclo di quattro incontri di formazione “Rafforzare la memoria per valorizzare e applicare la Costituzione”, curato da ANPI Casalecchio di Reno e Percorsi di Pace e rivolto a insegnanti e non solo.

Il primo appuntamento, “Perché fare memoria”, con Elena Monicelli (Scuola di Pace di Monte Sole) e Cinzia Venturoli (Università di Bologna), è in programma sabato 18 gennaio dalle ore 9.00 alle ore 12.00 presso la Casa per la Pace “La Filanda” (via Canonici Renani, 8 – Casalecchio di Reno); la partecipazione è gratuita con prenotazione obbligatoria a sgarzura@gmail.com.