Per la 17 ° edizione di Gender Bender Incontro con Eve Ensler

0
55

Lunedì 7 Ottobre 2019 alle ore 17.30 presso l’Auditorium Enzo Biagi in Salaborsa
(P.za del Nettuno 3, Bologna) un ospite internazionale inaugura la 17 ° edizione di Gender Bender: la scrittrice e drammaturga americana Eve Ensler, icona del femminismo contro ogni violenza, autrice de I monologhi della vagina e Il corpo giusto, presenta in anteprima nazionale il suo nuovo libro Chiedimi scusa (il Saggiatore 2019). Dialoga con l’autrice la scrittrice e storica dell’arte Alessandra Sarchi.

L’incontro anticipa Gender Bender 2019, che quest’anno affronta temi caldi come i nuovi femminismi e la costruzione di comunità al di là delle possibili conflittualità ed espone in maniera critica temi scomodi e questioni scottanti. Radical Choc il titolo scelto per questa 17° edizione.

L’evento è organizzato da Cassero LGBTI center in collaborazione con Gemma Erasmus Mundus, Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere – Università di Bologna, Associazione Orlando – Centro delle donne di Bologna , Il Saggiatore, Biblioteca Salaborsa.
Chiedimi scusa è un’immaginaria lettera aperta in cui Eve Ensler- una delle 100 donne più influenti secondo il Guardian e una delle 150 donne che hanno cambiato il mondo secondo Newsweek- immagina che suo padre si scusi con lei per averla sottoposta ad abusi e violenze.
La Ensler firma così il racconto intimo e potente degli abusi subiti.

Eve Ensler è scrittrice, drammaturga, poetessa, sceneggiatrice e regista. Ha alle spalle una lunga militanza come attivista per i diritti delle donne. La sua opera più importante, I monologhi della vagina (insignita nel 1997 del prestigioso Obie Award), è stata tradotta in 48 lingue e portata in scena con grande successo in 140 paesi: a Broadway (da star come Susan Sarandon, Glenn Close, Melanie Griffith e Winona Ryder), a Londra (da Kate Winslet e Cate Blanchett), in Italia (tra le altre da Lella Costa, Lucia Vasini, Lucrezia Lante della Rovere, Athina Cenci). Da questa pièce è nato il V-Day, contro la violenza sulle donne. Per Piemme ha pubblicato Io sono emozione.
E’ la fondatrice del movimento “One billion rising”