Per la Rassegna “Attorno al museo”: La Notte di San Lorenzo

0
34

Attorno al Museo è il programma di iniziative culturali promosso dall’Associazione Parenti delle Vittime della Strage di Ustica in occasione del XXXIX anniversario della strage,intreccia i diversi linguaggi dell’arte (teatro, arte contemporanea, musica, poesia) traendo spunto dall’installazione creata da Christian Boltanski per la città di Bologna in ricordo delle 81 vittime e proponendo progetti ideati da artisti di fama nazionale che coinvolgono le generazioni più giovani.
La rassegna si terrà dal 27 giugno al 10 agosto 2019 nel Parco della Zucca, nell’area adiacente al Museo per la Memoria di Ustica (via di Saliceto 3/22), e si svolge nell’ambito di Bologna Estate 2019.

Sabato 10 agosto alle ore 21.30:
La Notte di San Lorenzo
Serata di poesia
a cura di Niva Lorenzini
con Michele Dell’Utri, Simone Francia, Diana Manea, Jacopo Trebbi
violino Renata Lacko

I versi selezionati quest’anno per il XXXIX anniversario della strage di Ustica toccano il tema del male e del suo possibile riscatto. Il male privato, esistenziale, intanto: gli dà voce, aprendo la via ai poeti che seguiranno, da Ungaretti e Montale a Caproni e oltre, il poeta che trovava dolce navigare nel mare dell’infinito, mentre confessava, nel Canto notturno del pastore errante dell’Asia: “a me la vita è male”.
Accanto al male di vivere messo in poesia da Leopardi sta il male che si genera nella storia, nelle sopraffazioni e persecuzioni politiche e razziali, che Primo Levi ha interpretato per tutti nelle pagine di Se questo è un uomo e dei Sommersi e i salvati, la cui eco rintocca ancora nella voce in esilio di Amelia Rosselli. È il male assoluto, irrevocabile, provocato anzitutto dalle guerre, a partire da quella vissuta e raccontata a inizio Novecento dai poeti-soldato della prima guerra mondiale, ad un tempo carnefici e vittime, e approdata poi lungo il secolo a distruzioni immani, all’olocausto, alle bombe nucleari, che la parola dei poeti, da Brecht ai nostri Zanzotto e Sanguineti, si trova spesso insufficiente ad esprimere.
Contro la violenza del potere, gli eccidi razziali, le sofferenze private, le stragi, si leva la voce di riscatto di Elias Canetti. Il suo strenue confronto “contro la morte” è un grido di rivolta che si ribella alla rassegnata accettazione della morte stessa per riaffermare il diritto alla felicità, “che compete alle umane creature, benché esse la deturpino e se la strappino a vicenda”.

Niva Lorenzini

Nella notte di San Lorenzo, davanti al “pianto di stelle” di pascoliana memoria, la riflessione su “quest’atomo opaco del Male” si fa concerto, intrecciando in un’unica partitura voci, musica e immagini. Sullo sfondo di indicibile del Museo per la Memoria di Ustica, l’azione scenica si radica nella poesia, intesa non come semplice slancio consolatorio ma come lucida sintesi di una condizione umana oggettivamente bloccata nella dialettica delle sue aspirazioni, fragilità, utopie, errori.

Claudio Longhi

Attorno al Museo è promossa da Associazione Parenti delle Vittime della Strage di Ustica, con Regione Emilia-Romagna, Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna, Istituzione Bologna Musei | MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna, Comune di Bologna – Quartiere Navile, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, e fa parte di Bologna Estate, il cartellone di attività promosso e coordinato dal Comune di Bologna e dalla Città Metropolitana di Bologna – Destinazione Turistica.
Main media partner RAI, media partner RAI Radio 3, main sponsor Gruppo Unipol.
Si ringrazia T-per, Legacoop Bologna, Gruppo Hera, Coop Alleanza 3.0.
I progetti sono realizzati in collaborazione con Cronopios e Officina Immagine.