POLITICAMENTE SCORRETTO: SPORT E LEGALITÀ, STRANGE FISH, RACCONTARE LE MAFIE, RADIO CLANDESTINA

0
127

Dopo i primi appuntamenti con dibattiti, mostre, presentazioni e film, la XV edizione di Politicamente Scorretto, il progetto culturale ideato nel 2005 dall’Istituzione (oggi Servizio) Casalecchio delle Culture con Carlo Lucarelli, prosegue nei prossimi giorni (e nel fine settimana).

Giovedì 21 novembre

È una sede mai toccata da Politicamente Scorretto come il Centro sociale Ceretolo (via Monte Sole, 2), adiacente a uno dei principali impianti sportivi di Casalecchio di Reno, a ospitare alle ore 17.30 l’incontro “Sport e legalità”: al centro i fenomeni di infiltrazione criminale di stampo estremista e mafioso che stanno sempre più interessando il mondo del calcio e dello sport in generale, coinvolgendo tesserati e tifosi e probabilmente contribuendo al dilagare di comportamenti intolleranti, discriminatori e violenti dentro e fuori dagli stadi, tanto a livello professionistico quanto nelle categorie inferiori. La giornalista Micaela Romagnoli condurrà il dibattito con Paolo Berizzi, giornalista di la Repubblica e autore di Nazitalia (Baldini+Castoldi, 2018), le cui inchieste sul (neo)fascismo in Italia hanno attirato ripetute minacce fino alla necessità di scorta; Marco Antonio De Marchi, già difensore di Bologna e Juventus e ideatore del progetto “We Love Football”, nato “per diffondere il calcio tra i ragazzi e le ragazze nei suoi migliori valori di evento atletico, etico, spettacolare” e il cui torneo internazionale di calcio under 15 a Bologna è giunto nel 2019 alla quarta edizione; Fabio Poli, altro ex calciatore del Bologna e oggi allenatore e dirigente sportivo, vittima nel 1990 di una minaccia rimasta molto nota in città; Daniele Corazza, responsabile del Settore Giovanile del Bologna FC 1909. L’incontro sarà introdotto dall’assessore comunale a Sport, Benessere e Aggregazione sociale Matteo Ruggeri, con ingresso libero e diretta Facebook sulla pagina di Politicamente Scorretto; è prevista la partecipazione di numerosi atleti e tecnici delle società sportive del territorio.

Alle ore 20.30 si torna alla Casa per la Pace “La Filanda” (via Canonici Renani, 8) per la proiezione gratuita del documentario Strange Fish (Italia, 2018 – 52′) di Giulia Bertoluzzi, menzione speciale della giuria al Festival Internazionale del Documentario Visioni dal Mondo di Milano nel 2018: l’impegno e l’umanità dei pescatori di Zarzis, nel sud della Tunisia, “anonimi eroi” che dagli inizi del 2000 hanno salvato migliaia di vite in mare – e ad almeno altrettanti “strani pesci”, corpi respinti dal muro del mare, hanno dato sepoltura. La proiezione è curata dalla Biblioteca C. Pavese in collaborazione con Percorsi di Pace, e conclude gli appuntamenti casalecchiesi della rassegna “Doc in Tour”, organizzata da Regione Emilia-Romagna, FICE (Federazione Italiana Cinema d’Essai) Emilia-Romagna, D.E-R – Documentaristi Emilia-Romagna e Progetto “Fronte del Pubblico” della Fondazione Cineteca di Bologna e giunta nel 2019 alla 13^ edizione.

In serata anche il primo dei due appuntamenti solidali che caratterizzano questa edizione di Politicamente Scorretto: nella notte tra giovedì 21 e venerdì 22 novembre, il Municipio di Casalecchio di Reno (via dei Mille, 9) verrà illuminato di viola per testimoniare l’adesione alla campagna “Facciamo luce sul tumore al pancreas”, promossa da Associazione “Nastro Viola” nella Giornata mondiale dedicata alla lotta e alla sensibilizzazione su una delle patologie oncologiche più aggressive e con maggiore tasso di mortalità.

Venerdì 22 novembre

Alle ore 18.00, in Casa della Conoscenza (via Porrettana, 360) – Piazza delle Culture, forse l’incontro divenuto (suo malgrado) più attuale di tutto il programma di Politicamente Scorretto. In “Raccontare le mafie”, Carlo Lucarelli intervisterà Enza Rando, avvocata e vicepresidente di Libera; Giovanni Tizian, giornalista del settimanale l’Espresso e il cui Atlante illustrato di Cosa nostra (Electa-Rizzoli, 2019) è di recentissima uscita; Massimo Mezzetti, assessore alle Politiche per la legalità della Regione Emilia-Romagna. La discussione non potrà non toccare la sentenza di secondo grado del processo “Black Monkey”, emessa poche settimane fa dalla Corte d’Appello di Bologna, in cui è caduta l’accusa di associazione di tipo mafioso riconosciuta in primo grado, determinando la prescrizione di numerose posizioni e la revoca dei risarcimenti alle parti civili difese da Rando. Una sentenza “riduzionista” che fa seguito a quella di analogo tenore per il processo “Mafia Capitale”, e che Tizian, in attesa del ricorso in Cassazione, ha così commentato: “Il problema, a questo punto, è capire cosa è mafia e cosa non lo è: ce lo spieghino, così potremo capirlo meglio tutti”. L’incontro è a ingresso libero e sarà trasmesso in diretta streaming sul canale Youtube di Casa della Conoscenza, nel quale resterà successivamente disponibile la registrazione; il bookshop è curato da Libreria Trame.

Nel pomeriggio di venerdì 22 novembre dalle ore 17.00 alle ore 19.00 (e sabato 23 novembre dalle 14.00 alle 19.00), nell’Atrio di Casa della Conoscenza, i prodotti di Libera Terra saranno in vendita in un banchetto affidato a studentesse e studenti del Presidio di Libera – Collettivo Antonino Polifroni del Liceo “L. da Vinci” di Casalecchio di Reno.

In serata, alle ore 21.00, va in scena al Teatro comunale Laura Betti (piazza del Popolo, 1) la Radio Clandestina di e con Ascanio Celestini: uno spettacolo elaborato a partire dal testo di Alessandro Portelli L’Ordine è già stato eseguito, che Celestini ripropone a 20 anni dalla prima rappresentazione. Dalle poche ore trascorse tra la bomba di via Rasella e l’eccidio delle Fosse Ardeatine, nel marzo 1944, la narrazione si allarga da un lato alla fine dell’Ottocento, quando Roma diventa capitale, e dall’altro alle vicende successive alla Liberazione di centinaia di mogli e figli degli uomini sepolti da tonnellate di terra in una cava sull’Ardeatina: Celestini cercava di raddrizzare “un mito raccontato al rovescio”, quello della rappresaglia che in realtà fu prima attuata e poi annunciata dai nazisti, e dichiara oggi: “Sono passati vent’anni e i miei racconti stanno ancora in quella stanza. Nei pochi metri quadrati che occupano le scenografie di tutti gli spettacoli che ho portato in scena dopo”. Lo spettacolo, prodotto da Fabbrica srl e MiSMaonDa, fa parte della stagione multidisciplinare 2019/20 del Teatro Laura Betti, con ingresso intero 15 euro, e apre i 4 spettacoli di impegno civile raccolti nell’abbonamento “Politicamente Scorretto”, con prezzo unico 40 euro: seguiranno tra febbraio e marzo 2020 la Storia di un oblio diretta da Roberto Andò e interpretata da Vincenzo Pirrotta, Una notte sbagliata di e con Marco Baliani e Nel tempo che ci resta scritto e diretto da César Brie.

Politicamente Scorretto per le scuole

Due mattinate riservate alle classi in Casa della Conoscenza: giovedì 21 novembre alle ore 9.00 e alle ore 11.00 un doppio incontro con Daniele Aristarco e il suo libro Lettere a una dodicenne sul fascismo di ieri e di oggi (Einaudi Ragazzi, 2019), la storia della dittatura fascista e del Novecento esplorata “epistolarmente” in alcuni degli aspetti più complessi e contraddittori del nostro tempo, con un pizzico di umorismo e uno stile chiaro e avvincente. La partecipazione è riservata alle scuole secondarie di I grado, su prenotazione.

Venerdì 22 novembre alle ore 9.00, l’architetto e designer Mauro Bellei propone alle scuole primarie, sempre su prenotazione, il laboratorio La linea che unisce tratto dall’omonimo libro per l’infanzia (Fatatrac, 2017): un volume ambientato su un ponte, che con le sue sagome fustellate si presta da subito a essere riutilizzato creativamente, per raccontare storie sempre nuove con personaggi affascinanti e sempre diversi.

Gli appuntamenti di Politicamente Scorretto proseguono fino a domenica 24 novembre (con un’appendice per le scuole martedì 26 novembre); il programma è online sul sito www.politicamentescorretto.org e disponibile anche tramite i canali social (Facebook, Twitter, Instagram, Youtube) del progetto (hashtag #PS2019).