Studenti ed Università a Bologna tra 1100 e 1400 – La conferenza di Ivana Monesi per la Festa della Storia a Casalecchio

0
54

Come era essere studenti universitari a Bologna nei primi secoli dell’attuale Alma Mater Studiorum? E come accoglieva la città questo gruppo di “fuori sede” provenienti da tutta Europa? Venerdì 18 ottobre alle ore 17.30, in Casa della Conoscenza (via Porrettana, 360 – Casalecchio di Reno) – Piazza delle Culture, Ivana Monesi illustrerà gli aspetti più interessanti e curiosi di questa condizione nella conferenza “Studenti ed Università a Bologna tra 1100 e 1400. Problemi, svaghi e tribolazioni”.

Le cronache del periodo tra XII e XV secolo ci offrono una ricca testimonianza della vita spesso difficile di chi frequentava lo Studium bolognese: la scelta del maestro, il viaggio spesso avventuroso dai luoghi di origine verso la città, le modalità di alloggio e sostentamento, e anche un mondo di svaghi e divertimenti del tutto nuovo per molti studenti universitari, che, oltre a distrarli dallo studio, talvolta li portava rapidamente alla miseria. La relatrice illustrerà il percorso degli studenti di allora con un ricco apparato di immagini e con letture di documenti d’epoca, affidate a Daniela Maria Bianchini e Marzio Bossi.

La conferenza, curata dalla Biblioteca C. Pavese, è a ingresso libero, con trasmissione in diretta streaming sul canale YouTube di Casa della Conoscenza, nel quale resterà successivamente disponibile la videoregistrazione.

Ivana Monesi, laureata a Bologna in lettere classiche, è stata insegnante con interessi prevalentemente di carattere storico-ambientale. Negli ultimi anni si è dedicata soprattutto all’approfondimento della storia medioevale di Bologna.

La conferenza di Ivana Monesi è il terzo appuntamento casalecchiese della XVI Festa Internazionale della Storia (Bologna, 19-27 ottobre), la principale manifestazione europea del settore, organizzata dall’Università di Bologna con il patrocinio e il contributo di numerose istituzioni pubbliche e private. A Casalecchio di Reno sono ancora in programma numerosi appuntamenti, concentrati il venerdì pomeriggio, fino a novembre inoltrato, per ricordare che “La storia è viva”.