Ucraina, il sindaco Lepore ha sottoscritto l’appello dei 100 sindaci europei per interrompere l’acquisto di carburanti e ogni scambio commerciale con la Russia

0
135

Anche Matteo Lepore ha sottoscritto l’appello dei sindaci europei ai propri governi per interrompere immediatamente l’acquisto di carburanti russi e ogni scambio commerciale con la Russia.

“L’improvviso shock di porre fine alla nostra dipendenza da petrolio, gas e carbone è un sacrificio necessario, molto più piccolo del sacrificio di donne e uomini ucraini innocenti”, dichiarano i sindaci in una call congiunta. 100 sindaci di città europee, tra cui Barcellona, Brema, Londra, Praga, Roma, Mannheim e Oslo, hanno firmato il cosiddetto Appello Congiunto di Mariupol. Chiedono che l’UE interrompa immediatamente tutti gli scambi commerciali con Russia e Bielorussia.

L’avvio di corridoi umanitari, l’introduzione di soluzioni sistematiche al problema dei rifugiati e l’immediata cessazione degli acquisti di carbone, petrolio e gas: queste sono le principali richieste avanzate dai sindaci e dai rappresentanti delle città europee nei confronti della guerra in Ucraina. A seguito di un incontro online avviato dai sindaci di Danzica e Firenze, martedì 15 marzo è stata adottata dalla Commissione europea e dai singoli governi la risoluzione in cui i sindaci sostengono sanzioni maggiori e azioni più decisive.

L’incontro è stato promosso e condotto da Aleksandra Dulkiewicz, sindaco di Danzica, e Dario Nardella, sindaco di Firenze. Hanno partecipato al meeting oltre 100 sindaci, vicesindaci e rappresentanti delle città. Per Bologna era presente l’assessora alle Relazioni internazionali Anna Lisa Boni.

“Siamo i rappresentanti dei governi locali, il che significa che siamo più vicini alle persone rispetto a qualsiasi altra istituzione o ente di governo. Ecco perché noi dovremmo parlare alle nostre istituzioni statali ed ecco perché loro dovrebbero ascoltarci. A nome dei nostri cittadini, facciamo appello all’Unione Europea e ai governi europei: per favore, non lasciate che l’Europa sia guidata dalla paura. Per favore, prendete misure immediate, concrete e severe per aiutare i nostri fratelli e sorelle ucraini”, ha affermato Aleksandra Dulkiewicz.

L’incontro è iniziato con l’intervento di Serhii Orlov, vicesindaco di Mariupol, la città ucraina che si trova sotto i forti attacchi russi. “Tutti hanno visto le immagini del nostro ospedale pediatrico e maternità bombardato. Ospedali, asili e scuole sono gli obiettivi dei bombardamenti russi. Mariupol è ora una città di martiri: siamo tagliati fuori da tutti i servizi pubblici, acqua, energia, ecc. Le azioni umanitarie sono impossibili, non c’è modo di far evacuare le persone. L’obiettivo di Putin è conquistare l’Ucraina senza gli ucraini”, ha affermato il sindaco Orlov.

Nella risoluzione congiunta presentata durante l’incontro, i rappresentanti dei governi locali europei chiedono la fine di tutte le relazioni commerciali con Russia e Bielorussia fino al ritiro dell’esercito russo dall’Ucraina. “Riteniamo che la vita delle donne e degli uomini sia più importante del commercio, del lavoro e persino dell’energia”, si legge nella risoluzione.

Si invita la Commissione europea a costringere il governo russo ad aprire corridoi umanitari: “Non possiamo accettare che i cosiddetti corridoi umanitari “aperti” dall’esercito russo siano corridoi in cui i civili vengono colpiti e uccisi mentre cercano di scappare a piedi o in autobus”.

Secondo i sindaci, è necessaria la solidarietà europea per elaborare e adottare rapidamente decisioni riguardanti l’accoglienza e il trasferimento dei rifugiati in Europa.