CALCIO – Bunker Bologna, l’Atalanta non passa: punto d’oro a Bergamo

0
273
nella foto, Marko Arnautovic va a contrasto con Malinovskyi: partita di grande sacrificio per il centravanti austriaco

Muscoli e orgoglio in bella vista.

Il Bologna rientra da Bergamo a testa altissima, dopo aver imposto lo 0-0 all’Atalanta. Trascinati da un sontuoso Medel, i rossoblù sterilizzano le fiammate offensive della Dea e strappano un pareggio che consente a Sinisa di tenersi stretta l’imbattibilità. Quattro punti in due giornate: sotto le Due Torri avrebbero firmato quasi tutti. Piace l’atteggiamento, piace la faccia cattiva di questo Bologna subissato di critiche per una tenuta difensiva a dir poco allegra tra Ternana e Salernitana: contro un attacco sicuramente in lizza per le vette della Serie A, arriva una risposta coriacea. E il tabù di Bergamo finisce finalmente in frantumi: neanche un punto dal lontano 2013, dal guizzo di Gilardino che valse l’1-1 serie aperta di sette sconfitte di fila. Ci voleva proprio, questa bella boccata d’ossigeno.

A Mihajlovic mancano pilastri come Schouten e Soriano (entrambi squalificati al pari del neo-arrivato Theate), ma non se la passa meglio Gasperini che deve rinunciare a De Roon e al totem offensivo Duvan Zapata. Il rientro di Freuler spinge in panchina Pessina, a supporto di Muriel ecco Malinovskyi e Ilicic. Tra i rossoblù stringe invece i denti Arnautovic, non al meglio per un problema di vecchia data al flessore: il centravanti austriaco è regolarmente al suo posto, affiancato da Orsolini e Sansone. Sorpresa a centrocampo, con Kingsley preferito a Vignato; le funzioni di trequartista spettano a Svanberg. Le prime uscite tra Coppa Italia e campionato hanno messo a nudo le difficoltà della truppa di Mihajlovic dalla cintola in giù, in tal senso l’esame di Bergamo suona come un vero e proprio crash test. Ed ecco che il Bologna confeziona un primo tempo di grande attenzione e applicazione in fase di non possesso, accettando i ritmi alti della Dea. Gasperini paga dazio, a parte un paio di tentativi firmati Muriel e Malinovskyi di poco fuori misura i rossoblù non vivono chissà quali preoccupazioni. Per i rossoblù, una vera grande occasione: Arnautovic non arriva sul cross di Sansone, Orsolini irrompe ma spara alto.

Missione compiuta con profitto per 45′, ma dagli spogliatoi esce un’Atalanta più agguerrita. Muriel prova ad entrare in partita, Malinovskyi e Ilicic prendono possesso della trequarti, Gosens si ritrova sul sinistro il pallone del vantaggio ma dal limite calcia sul fondo. Sinisa capisce che il rischio è di finire schiacciati a ridosso dell’area e libera l’estro di Vignato tra le linee, togliendo Kingsley e restituendo Svanberg alla mediana. Dentro anche Skov Olsen di lì a poco, ad uscire è Orsolini per la più classica delle staffette. Novità offensive anche in casa Atalanta, con Miranchuk e Piccoli in campo per Pasalic e Muriel. Un episodio dubbio per area, in entrambi i casi il sig.Orsato (aiutato dal VAR) decide di sorvolare sui tocchi sospetti di Djimsiti e De Silvestri. Si avvicina il tramonto del match, la pressione atalantina si fa davvero insistente e allora Mihajlovic rinforza la trincea: oltre a Soumaoro, esordio stagionale per Tomiyasu (ultima in rossoblù?). Non succede granché, la carta finale di Gasperini si chiama Lammers: chiaro l’intento di fare densità nell’area rossoblù con il doppio pivot. Si chiude con il Bologna tutto arroccato dietro, Arnautovic compreso, a difesa di un punto succulento. La resistenza trova il risultato sperato con il triplice fischio di Orsato. Per il morale e per la classifica, Mihajlovic accarezza un signor risultato.

 

Di seguito, le pagelle della gara.

ATALANTA (3-4-2-1)

Musso 6; Toloi 6, Palomino 6.5, Djimsiti 6; Maehle 6 (87′ Zappacosta s.v.), Pasalic 5 (74′ Miranchuk 5.5), Freuler 6, Gosens 5.5; Ilicic 6.5 (87′ Lammers s.v.), Malinovskyi 6 (65′ Pessina 6.5); Muriel 5.5 (74′ Piccoli 6).  all.: Gasperini 6

 

BOLOGNA (4-2-3-1)

Skorupski 6.5; De Silvestri 6.5, Medel 7.5, Bonifazi 7, Hickey 6.5 (81′ Soumaoro s.v.); Kingsley 6.5 (60′ Vignato 6), Dominguez 7; Orsolini 5.5 (72′ Skov Olsen 6.5), Svanberg 6, Sansone 6 (81′ Tomiyasu s.v.); Arnautovic 6.5.  all.: Mihajlovic 6.5

 

ATALANTA-BOLOGNA 0-0