FIRMATA LA CONVENZIONE TRA COMUNE E VIGILI DEL FUOCO PER IL NUOVO DISTACCAMENTO DI SAN LAZZARO

0
258

Il 16 dicembre 2019 è stata firmata la convenzione tra il Comune di San Lazzaro di Savena e il Comando provinciale dei Vigili del Fuoco per la creazione del nuovo distaccamento sul territorio sanlazzarese.

Dopo il decreto del Ministero dell’Interno che ha destinato 33 vigili delfuoco alla nuova struttura, questa mattina la sindaca di San Lazzaro Isabella Conti e il comandante provinciale Michele De Vincentis hanno firmato l’accordo tra le due istituzioni per la realizzazione della “cittadella del soccorso” in via Aldo Moro 1, dove i pompieri troveranno casa assieme alla Protezione Civile e a una postazione di 118.

La struttura da destinare a sede del Distaccamento Vigili del Fuoco, da realizzarsi su un’area di 60mila metri quadrati, sarà concessa in comodato gratuito al Comando provinciale dei Vigili del Fuoco per 99 anni e rappresenterà un luogo strategico (già indicato come area di ammassamento soccorsi nell’ambito del sistema di Protezione Civile comunale) per ridurre e migliorare i tempi di soccorso sia sul territorio cittadino che su quello pedemontano. La realizzazione della struttura richiede un investimento complessivo di 1 milione di euro, già previsto a Bilancio; l’obiettivo dell’Amministrazione è completare i lavori entro dicembre 2020.

“La Cittadella del Soccorso rappresenta un baluardo di sicurezza per tutto il nostro territorio, ma anche per i comuni limitrofi – spiega la sindaca Isabella Conti -. Il nuovo distaccamento permetterà ai vigili del fuoco di coprire in pochi minuti tutta l’area collinare e il territorio del Distretto, garantendo una risposta ottimale e veloce in caso di bisogno. Si tratta di una garanzia in più per gli Enti Locali e per gli stessi i cittadini, soprattutto a fronte delle crescenti situazioni di emergenza causate dal maltempo. Il nuovo distaccamento sarà anche un importante punto di riferimento per la diffusione della cultura della sicurezza, attraverso incontri con la cittadinanza e le scuole”.