AL BOTANIQUE DIAFRAMMA live

0
105

Venerdì 28 giugno arrivano al BOtanique i Diaframma. Sul palco dei giardini universitari di via Filippo Re la storica rock band fiorentina presenterà l’ultimo lavoro L’abisso.

“L’abisso” è il 20° disco in studio dei Diaframma e arriva dopo 5 anni dall’uscita del precedente “Preso nel Vortice” del 2013. Cinque anni in cui Federico Fiumani non è certo stato con le mani in mano, vista l’incessante attività live e l’uscita di raccolte, ristampe e live che sono andati ad impreziosire una discografia che dal loro primo singolo del 1982 conta più di 50 uscite. Con “L’abisso” Federico torna a raccontare le sue storie con la sincerità che da sempre lo contraddistingue e a darci la sua prospettiva sui rapporti personali, su quella vita che lo sta portando a varcare la soglia dei 60 anni. Un disco importante per le canzoni che contiene, per il sound maturo che è il marchio di fabbrica del suo alter ego musicale, quei Diaframma che sono oggi l’esperienza più longeva e continuativa della scena musicale indipendente nata in Italia negli anni ’80; un patrimonio musicale che ha ispirato una moltitudine di musicisti nostrani.

Il concerto, ad ingresso libero, avrà inizio alle ore 21,30.

Il venerdì al BOtanique si aprirà come di consueto alle ore 20 con Lo Yoga del Bradipo, l’appuntamento dedicato alle famiglie e ai bimbi, un momento di esplorazione e meditazione creativo. Questa sera si lavorerà sul tema “Foglie in stecco”: passeggiando nel parco si proverà a “infilzare” i colori componendo sfumature, accostamenti e contrasti…

Ai Giardini del BOtanique come sempre sarà a disposizione un’area relax, stand gastronomici, il bar con birre artigianali e cocktail. Tutto completamente “Plastic free”.

BOtanique 10.0 fa parte di Bologna Estate 2019, il cartellone di attività promosse e coordinate dal Comune di Bologna, e proseguirà fino al 27 luglio.

Per info e aggiornamenti: http://www.botanique.it e https://www.facebook.com/BOtaniqueFestival

DIAFRAMMA – Breve biografia

I Diaframma sono uno dei gruppi più rappresentativi della famosa scena fiorentina degli anni Ottanta. Sono arrivati fino ai giorni nostri dopo numerosi cambi di formazione e un temporaneo scioglimento: tuttora l’unico componente rimasto è il cantante, chitarrista e autore Federico Fiumani, perno da sempre della formazione. Da ricordare anche il primo cantante Nicola Vannini e il secondo Miro Sassolini, quest’ultimo voce nei primi tre album della band: Siberia, 3 Volte Lacrime e Boxe. Dalla darkwave degli esordi, i Diaframma si sono via via orientati verso un punk rock cantautoriale. Durante i vari cambi di formazione, diversi musicisti hanno contribuito alla vita della band, sia in studio che in tour: Gianni Cicchi, Alessandro Raimondi, Renzo Franchi Daniele Trambusti, Alessandro Gerbi, Gianni Cerone, Alessio Riccio, Lorenzo Moretto (batteria), Simone Giuliani (tastiere/cori), Alessandro Gherardi (tastiere), Leandro Cicchi,Leandro Braccini, Guido Melis, Riccardo “Foggy” Biliotti, Lorenzo Alderighi (basso).

***
La canzone “Libra” è citata nel famoso romanzo di Enrico Brizzi “Jack Frusciante è uscito dal gruppo” (pag 54) nella sua versione live con riferimenti alla voce di Federico Fiumani.

Il disco “Il Dono” è un tributo che vari artisti indipendenti italiani hanno fatto ai Diaframma. Tra questi: Marlene Kuntz, Tre Allegri Ragazzi Morti, Le luci della centrale elettrica,The Niro e molti altri. Il tributo è stato negato ai Baustelle da parte della loro casa discografica Warner nonostante avessero già inciso il loro pezzo.

Un documentario dal titolo ‘Federico Fiumani di queste distanze’ è stato girato dal regista Flavio Sciolè nel 2006