Al via la XVI edizione di Youngabout International Film Festival, la rassegna di cinema per under 20

0
168

E’ giunto quasi alla maggiore età Youngabout, il Festival internazionale di cinema dedicato ai più giovani, ideato e organizzato dall’Associazione culturale di Promozione Sociale “Gli anni in tasca, il cinema e i ragazzi” con il contributo di Comune di Bologna e Regione Emilia-Romagna e la collaborazione di realtà associative e istituzionali del territorio: una bella novità è l’approvazione del progetto formativo, da cui nasce e su cui si fonda il festival, da parte del MiC-Ministero della Cultura e MIM-Ministero dell’Istruzione e del Merito nell’ambito del “Piano Nazionale Cinema e Immagini per la Scuola”. La XVI edizione, che coinvolgerà oltre 3mila studenti degli Istituti scolastici della Città metropolitana, si svolgerà dal 30 novembre al 17 dicembre prossimi, coinvolgendo alcune sale cinematografiche della città – il Cinema Odeon, Lumière, Rialto, Perla e Galliera – e altri spazi, dalla Biblioteca Salaborsa a Palazzo d’Accursio, che ospiteranno alcuni degli eventi collaterali, come il Premio letterario Angelo Vassallo, dedicato alla memoria del sindaco di Pollica (Sa) ucciso nel 2010 in un attentato camorristico.

La selezione delle opere provenienti da tutto il mondo – Giordania, Svezia, Arabia Saudita, Serbia, Giappone e tanti altri – ha privilegiato non solo film spesso esclusi dai circuiti commerciali che il Festival dà l’occasione unica di vedere, ma pure quei titoli che offrono agli spettatori una riflessione sulla felicità, che lasciano uno spiraglio di luce su un mondo migliore e più giusto. “L’esperienza traumatica dei due anni di pandemia e di isolamento sociale ha segnato profondamente tutti, ma ancor più profondamente i bambini e gli adolescenti, privati delle interazioni sociali necessarie al loro sviluppo, delle esperienze reali, della vicinanza con i coetanei, della fiducia negli altri” dice Angela Mastrolonardo, ideatrice del Festival. “Ancora oggi molti ragazzi e ragazze preferiscono isolarsi nel timore del contagio, si sono disabituati alla vicinanza delle amicizie, vivono il futuro, reso ancora più fosco dai venti di guerra in Europa, come foriero di minacce e non di promesse”. Youngabout si offre agli studenti di ogni ordine e grado e ai loro docenti come spazio di incontro attraverso la visione collettiva in sala, lo scambio di opinioni ed emozioni nei dibattiti successivi alle proiezioni, e rende protagonisti i partecipanti della Giuria dei Ragazzi e delle Ragazze, incaricati di scegliere l’opera migliore, “nella direzione di un ottimismo fortemente ricercato e alimentato – continua Mastrolonardo – e mirando ad una felicità che deve diventare un diritto, respingendo le folate di pessimismo e cinismo che soffiano da tante direzioni, affinché il cinema possa essere, ancora una volta, un balsamo efficace per le ferite e un germe per nuovi talenti, ancora tutti da esplorare e valorizzare”.

Il programma di proiezioni, che nel rispetto della sensibilità delle ragazze, dei ragazzi, dei bambini e delle bambine esplora l’infinita ricchezza e complessità del mondo attuale con attenzione alla ricerca formale, si suddivide in due sezioni: la prima dedicata agli studenti e studentesse delle Scuole medie inferiori e superiori, la seconda, “I film nello zaino di Youngabout Festival”, dedicata invece ai bambini e bambine delle scuole materne ed elementari. Le tematiche affrontate sono le più disparate: dalle migrazioni (La traversée di Florence Mihailhe, singolare opera di animazione realizzata con pitture su vetro) all’elaborazione del lutto (Comedy Queen di Sanna lenken), dalle origini della questione palestinese (Fahra di Darin J. Sallam) al bullismo (Playground, presentato a Cannes nel 2021 nella sezione Une Certain Regard) alle ferite ancora aperte della ex Jugoslavia (How I Learned to Fly di Radivoje Andrić). Alle proiezioni mattutine si affiancano quelle pomeridiane e serali al Cinema Perla (via San Donato, 38) e al Cinema Teatro Galliera (via Matteotti, 27), che riproporranno alcune repliche e nuove visioni. Sabato 3 dicembre a partire dalle 16.30 il Cinema Perla ospita “Pomeriggio animato: piccole grandi storie d’amore e di amicizia”, una selezione di cortometraggi animati a cura di Eugenia Gaglianone che indagano l’amicizia tra l’essere umano e gli animali.

Le proiezioni sono accessibili a tutti gratuitamente, previa sottoscrizione della tessera dell’Associazione “Gli anni in tasca, il cinema, i ragazzi” APS (costo €5).

Oltre alle visioni in sala, Youngabout prevede laboratori didattici e formativi per l’apprendimento della grammatica del linguaggio cinematografico e audiovisivo, per acquisire strumenti di analisi dei film e pure per imparare facendo, con la realizzazione di opere collettive, grazie alla collaborazione e agli interventi di professionisti e di associazioni culturali legati al mondo della produzione audiovisiva e della formazione. A guidare i laboratori in quattro istituzioni scolastiche – Scuola dell’infanzia Santa Rita, IC8 – Scuola Primaria Bombicci, IC16 – Scuola secondaria di primo grado Guido Reni e Liceo Scientifico Copernico – saranno, tra gli altri, i registi Vito Palmieri e Roberto Paganelli, i media educator Sandra Caddeo e Gabriele Veggetti, i rappresentanti di Dry Art e Orchestra Senzaspine – Mercato Sonato, Sofos Aps e Casa di quartiere Nello Frassinetti: le attività formative continueranno oltre Youngabout, fino all’aprile del 2023.

Infine, Youngabout propone incontri con gli autori, seminari ed eventi: giovedì 15 dicembre alle 18.30 nell’Auditorium Marco Biagi di Biblioteca Salaborsa (Piazza del Nettuno, 3) l’incontro “Uno schermo oltre la paura” per riflettere sulla capacità del cinema di placare paure e ansie, organizzato in collaborazione con Officina Adolescenti di Salaborsa Ragazzi e SOFOS APS- Associazione per la divulgazione delle Scienza: attraverso proiezioni e visori multimediali, i ragazzi saranno coinvolti in un incontro interattivo sulla magia della visione cinematografica. Venerdì 16 dicembre alle ore 18.30 la Cappella Farnese di Palazzo D’Accursio ospiterà la cerimonia di assegnazione del Premio “Angelo Vassallo”, indetto dalla Fondazione Angelo Vassallo in memoria del “Sindaco pescatore” ucciso nel 2010 in un attentato camorristico: a riceverlo sarà la giornalista e scrittrice Stefania Maurizi, autrice del libro “Il Potere Segreto. Perché vogliono distruggere Julian Assange e Wikileaks” (Chiarelettere 2021) nel quale descrive con coraggio e determinazione l’attività del fondatore di Wikileaks, di cui Maurizi è amica da molti anni, e la tragica vicenda giudiziaria che lo vede coinvolto da anni. Infine sabato 17 dicembre a partire dalle 18.30 alla Casa di quartiere “Nello Frassinetti” (via Andreini, 18), sede della Casa del Faro APS, la festa finale di Youngabout, con la proiezione dei cortometraggi in concorso e l’assegnazione dei premi da parte della Giuria dei Ragazzi e delle Ragazze.

Tutte le informazioni sul programma sul sito www.youngabout.com.

Per info youngaboutfilmfestival@gmail.com.

YOUNGABOUT International Film Festival

Bologna, 30 novembre>17 dicembre 2022

A cura di Gli anni in tasca, il cinema e i ragazzi APS

Con il contributo e il patrocinio di: MIM, MiC, Piano Cinema e Immagini per la Scuola, Regione Emilia-Romagna, Emilia Romagna Film Commission, Comune di Bologna

In collaborazione con: Circuito Cinema Bologna, Cineteca di Bologna-Cinema Lumière, Dry Art, Senzaspine APS, Centro Sociale Ricreativo Culturale “Nello Frassinetti”, La casa del Faro APS, SOFOS APS, Officina Adolescenti Salaborsa Ragazzi, ECFA, Click for Festival
Media partners: Film TV, Radio Città Fujiko
Sponsor: NaturaSì, Libreria Trame