GENTE DI TEATRO – AL DEHON “ RISATE DAL FUTURO “ CON MALANDRINO E VERONICA

0
308

Da venerdì 14 a domenica 16 Dicembre, feriali ore 21 domenica ore 16, andrà in scena al Teatro Dehon “Risate dal futuro” di: Paolo Maria Veronica. Con: Roberto Malandrino e Paolo Maria Veronica. Regia: Eugenio Maria Bortolini
Mentre il pubblico attende l’inizio dello spettacolo, si sentirà più volte un annuncio del tipo VFC (voce computerizzata) ATTENZIONE: informiamo i gentili abbonati che abbiano usufruito dell’opzione di scongelamento vitale per assistere a questo spettacolo, che OGGI è IL 15 APRILE 3075, sincronizzate le vostre funzioni vitali, grazie.
Vi ricordiamo che i vostri abiti, trucchi e acconciature sono stati scannerizzati e modificati (come la ricostruzione di questo teatro) per l’anno 2019. Tutto pertanto è un OLOGRAMMA 3D DIGITALE a massima risoluzione che a fine spettacolo si auto annullerà. Grazie e buona serata.
È la premessa del primo caso di Teatro Fantascientifico.
Una convenzione fondamentale che permetterà a tutti gli spettatori di diventare parte dello spettacolo. Una complicità preziosa che nel corso dell’esibizione darà risultanti esilaranti, come ad esempio quando i due protagonisti scoprirano tra il pubblico uno spettatore… DOLMEN.
Ma ciò che fa di RISATE DAL FUTURO uno spettacolo originale e innovativo è proprio il tema AVVENIRISTICO, scandagliato con ironia e, a volte, sana cattiveria, dove il rapporto col nostro PRESENTE amplifica l’effetto comico come, ad esempio, nella scena di Matteo Salvini quando scopre, scongelato da ibernazione dopo 524 anni, che a capo della Lega c’è ABDUL HUSSEFAH.
Molti sono i temi che risate dal futuro affronta pensando al DOMANI: dalla RELIGIONE (DIO 24 servizio telefonico H 24 per i fedeli) al SESSO CYBERNETICO; da improbabili ricostruzione storiche come il VENTENNIO CHEFFISTA (oscura pagina del passato dominato esclusivamente da CHEF) fino al crollo della PRIMA REPUBBLICA VEGANA dopo lo scandalo di INSETTI PULITI.
Non mancano poi le rivisitazioni dei “classici fantascientifici” come ad esempio il TELETRASPORTO (nel nostro caso si smarrisce una parte di corpo come nel nostro tempo si smarrisce un bagaglio) o le CROCIERE SPAZIALI capitanate dal comandante ALFA – SKET‐TINO.
Tanti ancora i quadri surreali sul nostro Domani molti dei quali ispirati da fonti autorevoli quali SCIENTIF AMERICAN, il rapporto di RICHARD WATSON sul futuro, il resoconto di MARY ROACH sulla prossima missione su Marte e altro ancora.
Ma a questo punto la cosa migliore è raggiungere il primo varco temporale di un teatro, guadagnare una olo-poltrona e godersi uno spettacolo che promette
UN ESILARANTE SPACCATO DEL FUTURO.
IL PRIMO CASO DI SATIRA FANTASCIENTIFICA.