LA NUOVA RASSEGNA “AFRO AMERICAN CONNECTION” RACCONTA LA BLACK MUSIC

0
168

Da James Brown a Michael Jackson, da Aretha Franklin a Amy Winehouse, da Stevie Wonder a Lionel Richie. Sono alcuni dei grandi nomi che faranno da colonna sonora alla nuova rassegna del Teatro Comunale di Bologna intitolata “Afro American Connection”, in programma dal 2 aprile al 20 maggio all’Auditorium Manzoni.

Il progetto, dal carattere divulgativo, si articola in tre spettacoli che raccontano la storia della black music afroamericana, presentando arrangiamenti originali creati per brass band e voce, e intervallando l’esecuzione musicale con la narrazione parlata. Protagonista di tutti gli appuntamenti della rassegna è la TCBO Brass Band, nuova formazione composta dagli ottoni dell’Orchestra del Teatro Comunale, affiancata di volta in volta da una cantante. A fare da filo conduttore lo storytelling di Pierfrancesco Pacoda, per immergere il pubblico in quella scena culturale e musicale che ha avuto il suo massimo sviluppo dalla metà del Novecento, rivoluzionando il linguaggio e il mercato musicale contemporaneo.

Si parte sabato 2 aprile alle 21 con la “Soul night”, che mette al centro il genere soul, dolce e seducente, con le sue canzoni d’amore e ballate intrise di malinconia. Un’avventura che si sviluppa dagli anni ’60, grazie ad artisti come Otis Redding e Stevie Wonder e a case discografiche come la Motown e la Stax, mescolando jazz, rhythm and blues e pop, sino alla scoperta del soul da parte delle nuove generazioni, che lo accostano alla cultura sonora urban, con cantanti come D’Angelo e Amy Winehouse. Sul podio della TCBO Brass Band Michele Corcella, autore anche degli arrangiamenti inediti. Protagonista la voce di Awa Fall. Tra le celebri canzoni che verranno eseguite figurano Soul Man, Tainted Love e Brown Sugar.

Si prosegue sabato 14 maggio alle 21 con la “Blues night”, dedicata all’incredibile impatto che il blues ha avuto sulla musica contemporanea. Il tour inglese di Bo Diddley insieme ai Rolling Stones aprì la mente a una generazione di artisti che, passando per quei fraseggi, fecero nascere il beat e tutti i suoni che ne derivarono; mentre nella patria del blues, personalità come Jimi Hendrix riaccendevano la fiamma del tribalismo, portando questa musica sui palchi della ribellione. La direzione e le trascrizioni originali sono affidate questa volta a Massimo Morganti, per ripercorrere brani come Crossroad Blues, Red House e Baby Please Don’t Go. Sul palco insieme alla TCBO Brass Band la cantante Emma Nolde.

Ultimo appuntamento della rassegna venerdì 20 maggio alle 21 con la “Funk night”. Il funk è il suono della danza e dell’Africa che invade definitivamente le metropoli, “colonizza” il rock, si fa torrida colonna sonora dei ghetti che reclamano la loro poetica bellezza, fa nascere linguaggi musicali che diventano stili di vita come l’hip hop, seduce i grandi interpreti dell’avanguardia rock, unisce per sempre il centro e la periferia. Firma gli arrangiamenti della serata conclusiva Massimo Zanotti, alla guida della TCBO Brass Band, per riascoltare insieme alla voce di Anna Bassy pagine come Good Times, Virtual Insanity e Papa’s Got a Brand New Bag.

I biglietti, a 15 euro (intero) e 10 euro (ridotto Under30), e l’abbonamento ai 3 spettacoli, a 30 euro, sono in vendita online tramite Vivaticket e presso la biglietteria del Teatro Comunale (Ingresso Piazza Verdi), dal martedì al venerdì dalle 12 alle 18 e il sabato dalle 11 alle 15. I biglietti sono in vendita anche il giorno dell’evento presso l’Auditorium Manzoni da 1 ora prima fino a 15 minuti dopo l’inizio dello spettacolo.

Info: https://www.tcbo.it/afro-american-connection/