CALCIO – Bologna-Colonia 1-3: super Kainz rovina il primo esame dei rossoblù

0
243
nella foto, Rodrigo Palacio con la fascia di capitano al braccio nel test contro il Colonia (Sky Sport)

Più ombre che luci sul cantiere rossoblù.

Il test di Kufstein se lo aggiudica il Colonia, trascinato da un superbo Kainz. Asticella subito alta per il Bologna nel ritiro austriaco, dopo appena un giorno di allenamento a Neustift è già tempo di partita vera. Si gioca il primo test amichevole contro una squadra di massima serie, le sgambate di Castelrotto appartengono all’album dei ricordi. Ai rossoblù manca capitan Dzemaili, fermo per una ventina di giorni a causa di una lesione al soleo sinistro: centrocampo a ranghi ridotti, anche Schouten e Poli sono out oltre al convitato di pietra Pulgar (ancora in vacanza post Coppa America e mai così vicino all’addio al Bologna). Fresco di ritorno in Bundesliga dopo un anno di purgatorio nella Serie B tedesca, il Colonia è avversario di tutt’altra pasta rispetto ai dilettanti altoatesini affrontati nelle prime uscite e il Bologna ne fa subito le spese: i 20′ iniziali sono da incubo per Danilo e compagni, trafitti per ben due volte da Florian Kainz. Da rivedere la tenuta della retroguardia rossoblù, con Denswil e Mbaye principali imputati. Il Bologna fatica tremendamente a sviluppare gioco, a causa di una condizione precaria ma anche di una mediana parecchio sperimentale: Nagy e Svanberg patiscono il ritmo e il palleggio dei tedeschi. Là davanti si nota quasi solo Palacio, mentre Destro vede il pallone con il binocolo. Nel finale di tempo provvidenziale intervento di Skorupski in uscita su Modeste: il 3-0 in 45′ sarebbe stato pesantissimo da digerire.

Qualche correzione per il Bologna all’intervallo e almeno in apertura di ripresa l’inerzia sembra beneficiarne. Rossoblù più quadrati e intraprendenti, il Colonia attende sornione. A suonare la sveglia è Sansone con un gran destro dal limite diretto sotto l’incrocio: Kessler si supera e nega il goal che avrebbe riaperto i giochi. Sul fronte opposto, non è da meno Da Costa che con un tuffo plastico sventa un rigore in movimento calciato da Drexler. Scocca l’ora di gioco e fa il suo debutto stagionale Orsolini, aggregato al gruppo da pochi giorni: l’esterno dell’Under 21 subentra a Destro e spedisce Palacio a giostrare da falso nove. Rivoluzione drastica invece per mister Beierlozer, che cambia quasi tutto l’undici a mezzora dalla fine. Tra i nuovi entrati nelle fila tedesche si staglia l’inconfondibile sagoma dell’ex di turno Frederik Sorensen, in rossoblù dal 2012 al 2014. Prova a mettere pepe al finale di match Kingsley, che però da pochi passi non trova la porta con il destro: pallone fuori di un soffio. Nel momento migliore del Bologna arriva però puntuale la pietra tombale sul match, sistemata dal neo-entrato Churlinov a porta spalancata: da segnalare il sospetto fuorigioco dell’assistman Terodde nella circostanza, grandi proteste dei rossoblù. Un raggio di luce illumina lo spezzone finale del Bologna, che accoglie con piacere la rete della bandiera di Orsolini, uno dei leader designati nel campionato che verrà.

Appuntamento a lunedì per il secondo test del ritiro austriaco, una sorta di esame di riparazione immediato. Non sarà semplice, certo: avversario di turno lo Schalke 04, nobile del calcio tedesco un po’ decaduta negli ultimi tempi.

 

Di seguito, il tabellino dell’incontro odierno.

BOLOGNA

4-2-3-1

Skorupski (46′ Da Costa); Mbaye (46′ Tomiyasu), Danilo (72′ Bani), Denswil (72′ Paz), Dijks (24′ Krejci); Nagy (46′ Donsah), Svanberg (60′ Kingsley); Sansone (72′ Falcinelli), Soriano (72′ Juwara), Palacio (72′ Falletti); Destro (60′ Orsolini). All.: Mihajlovic (in panchina Tanjga)

 

COLONIA

4-4-2

Kessler; Ehizibue (62′ Schmitz), Sobiech (62′ Sorensen), Czichos (62′ Meré), Hector (62′ Bader); Schindler (62′ Risse), Verstraete (62′ Hoger), Drexler (62′ Koziello), Kainz (62′ Churlinov); Cordoba (62′ Schaub), Modeste (62′ Terodde). All.: Beierlozer

ARBITRO: Elsler (Austria).

 

BOLOGNA-COLONIA 1-3 (10′ Kainz, 21′ Kainz, 71′ Churlinov, 84′ Orsolini)