CALCIO – Bologna, sete di vendetta: a Roma per cancellare la batosta dell’andata

0
373
nella foto, Rodrigo Palacio, reduce dalla squalifica e pronto a rientrare come vertice alto dell'attacco rossoblù all'Olimpico

Missione capitale.

Il Bologna cala a Roma in modalità barbarica, con volontà di saccheggio. La debacle della gara di andata al Dall’Ara, con quei cinque goal rifilati dai giallorossi al malcapitato debuttante Ravaglia nei primi 45′, non sono mai stati digeriti da Sinisa Mihajlovic. E allora, dopo aver sconfitto la Lazio un mese e mezzo fa, Danilo e compagni mettono nel mirino lo scalpo dell’altra romana sognando al tempo stesso il secondo colpaccio stagionale contro una big. Inutile far finta di non pensarci, nel quartier generale rossoblù la speranza di trovare una Roma distratta dagli intriganti impegni europei regna sovrana; reduci infatti dal convincente blitz di giovedì ad Amsterdam contro il blasonato Ajax, i giallorossi sono attesi in settimana dai 90′ decisivi per la qualificazione alla semifinale di Europa League, ora davvero alla portata. Il rischio di sottovalutare l’appuntamento di campionato che si colloca proprio a cavallo della doppia sfida con i Lancieri esiste eccome, Fonseca avrà certamente lavorato a fondo per disinnescare il pericolo di un rilassamento mentale unito alle fatiche della trasferta olandese. In queste eventuali crepe dovrà per contro essere bravo ad infilarsi il Bologna con tutto il suo carico di ambizioni in chiave decimo posto, obiettivo dichiarato di questo finale di stagione.

Mihajlovic prepara la ripartenza dopo la frenata al cospetto della capolista Inter e indica la strada da seguire. Nulla di nuovo, nel copione c’è anzi un bis da ripetere. Sì, perché il suo Bologna non più tardi di un anno fa è già stato capace di sbancare l’Olimpico, nella notte che consacrò il talento cristallino di Barrow. Doppietta e assist per il buon Musa, a dir poco decisivo in quel rocambolesco 2-3: vetta elevatissima all’interno di un girone di ritorno da incorniciare per l’attaccante gambiano. Nell’attuale campionato Barrow non si sta confermando e vive tra alti e bassi: i 6 goal segnati fin qui rappresentano il chiaro indizio di un’annata indubbiamente sottotono sul piano realizzativo. Chissà, il ritorno sul luogo del delitto perfetto potrebbe restituirgli l’ispirazione dei giorni migliori e aiutarlo a rimuovere le due prestazioni piuttosto anonime disputate nelle uscite più recenti con Crotone e Inter. In soccorso giunge pure Rodrigo Palacio, di rientro dalla squalifica: el Trenza sembra essere il prescelto per occupare la prima linea dell’attacco rossoblù, con l’imprescindibile Soriano alle sue spalle e Skov Olsen ancora favorito su Orsolini per completare il pacchetto.

Dalla cintola in giù, invece, una buona e una cattiva notizia per Sinisa. Se l’ex Skorupski è guarito dal Covid e tornerà regolarmente a difendere la porta, Tomiyasu si ritrova invece costretto ad alzare bandiera bianca in coda ad una settimana di terapie e allenamenti differenziati: pur in assenza di lesioni, il risentimento al polpaccio destro continua a condizionarlo e si è allora deciso di optare per la via della prudenza. Il giapponese non è neppure partito alla volta della Capitale e sfrutterà il riposo per riproporsi tra una settimana al Dall’Ara contro lo Spezia. Salta dunque del tutto uno dei confronti sulla carta più avvincenti, dal momento che Fonseca per la sua fascia mancina deve rinunciare all’infortunato Spinazzola: all’andata il laterale azzurro fu un iradiddio in quel primo tempo a senso unico, non a caso le parole di Mihajlovic oggi in conferenza lasciano trasparire un certo sollievo per l’assenza. Per rimpiazzare Tomiyasu Mihajlovic pensa a De Silvestri, che da vecchio cuore laziale quando vede Roma già pianifica un piccolo derby personale. Danilo e Soumaoro prenderanno in consegna Borja Mayoral (probabile un turno di riposo per Dzeko con vista Ajax), mentre l’ormai consolidata staffetta tra Svanberg e Dominguez stavolta dovrebbe premiare lo svedese. Oltre a Tomiyasu, la lista degli assenti comprende Santander, Medel e Hickey: per tutti e tre, stagione compromessa se non definitivamente chiusa.

Arbitra il sig.Guida di Torre Annunziata, fischio d’inizio previsto per le ore 18 di domani.

 

Di seguito, elenco dei convocati e probabile formazione rossoblù.

PORTIERI: Da Costa, Ravaglia, Skorupski.

DIFENSORI: Antov, Danilo, De Silvestri, Dijks, Faragò, Mbaye, Soumaoro.

CENTROCAMPISTI: Baldursson, Dominguez, Poli, Schouten, Soriano, Svanberg.

ATTACCANTI: Barrow, Juwara, Orsolini, Palacio, Sansone, Skov Olsen, Vignato.

 

PROBABILE FORMAZIONE

4-2-3-1

Skorupski; De Silvestri, Danilo, Soumaoro, Dijks; Schouten, Svanberg; Skov Olsen, Soriano, Barrow; Palacio.  all.: Mihajlovic

BALLOTTAGGI: Svanberg-Dominguez 55%-45%, Skov Olsen-Orsolini 70%-30%.

SQUALIFICATI: nessuno.

INDISPONIBILI: Hickey, Medel, Santander, Tomiyasu.