Cus Bologna – Vela

0
127

E’ stata una rinuncia dolorosa, ma alla luce della piega che hanno preso gli avvenimenti, la scelta del Cus Bologna e di Vittorio Balletti, di non prender parte al Trophée de L’Ile Pelée, è stata vincente. L’imbarcazione cussina sarebbe riuscita sicuramente a raggiungere Cherbourg, nel nord della Francia, per gareggiare fino a domenica nella massima manifestazione di vela universitaria a livello europeo. Ma avrebbe avuto mille e passa difficoltà nel rientrare in Italia. Mettendo così a repentaglio la salute dell’equipaggio.

“Non potevamo fare diversamente – spiega Vittorio Balletti, responsabile della sezione vela del Cus Bologna -. Agonisticamente ci consoliamo con il fatto che gli organizzatori, non solo si sono ricordati di noi, ma hanno pure sottolineato il fatto che, nel 2017, vinse l’Università di Bologna”.

Mesi di allenamento e di sacrifici, negli ultimi tempi a Marina di Ravenna. Ma tutto l’equipaggio biancorosso, legato al mondo Unibo, merita un applauso: Alessandro Caldari, timoniere (Ingegneria dell’Automazione); Giacomo Bandini, prodiere (Economia e Commercio); Federico Roncuzzi, randista (Medicina); Tommaso Manaresi, tailer (Medicina); Michele Franceschetto, tailer (Giurisprudenza).