“ABC LIBRI” OVVERO COME UCCIDERE LA SOLITA PRESENTAZIONE DI UN LIBRO E VIVERE FELICI

0
36

“Come uccidere la solita presentazione di un libro.. e vivere felici”: è l’irriverente formula con la quale Gabriele Via, poeta, attore e direttore artistico di ABC presenta la nuova rassegna ospitata dal Teatro dell’ABC, nell’ex cinema di piazza di Porta Castiglione, 3 divenuto da più di un anno nuova sede dell’associazione.

Si inizia mercoledì 4 dicembre alle ore 18.30 con lo scrittore Gianluca Di Dio, che in dialogo con lo stesso Via presenta il suo romanzo Più a est di Radi Kurkk (Voland, 2019), che oscilla tra la comicità e la riflessione e critica feroce sul contemporaneo. Si tratta del terzo libro dell’autore, da lui annunciato con un video dal sapore evocativo (visibile qui https://www.youtube.com/watch?v=5D51dKs7ey4). Inconsueto e surreale romanzo di formazione ambientato nella Bassa Padana, ultimo argine di resistenza alla tragicomica e letale deriva consumistica che sta travolgendo il mondo intero, Più a est di Radi Kurkk è una sorta di favola nera contemporanea legata indissolubilmente ai concetti di catastrofe, orfanità e predestinazione, oltreché a quello di utopia.

I personaggi del romanzo sono creature residuali, naufraghi di un mondo devastato e comicamente sommerso dagli effetti dell’incuria e del consumo; sono orfani di una realtà vera, ma pure di un immaginario vero, e tuttavia destinati alla realizzazione di una non ben definita e quasi metafisica Utopia, che forse, però, potrebbe essere solo una disperata fisima letteraria.

“Nel romanzo sono descritte due Utopie, che si rifanno ciascuna, concettualmente, a un particolare tipo di Est, reinventandone il significato e l’immaginario. Il libro inizia e si conclude in una sorta di Est italiano, emiliano. Non si tratta di un Est geografico ma di un Est inteso come luogo di resistenza allo sviluppo in senso pasoliniano, un nucleo disperso di mondo rustico e straniato che, pur abituato a disattendere la trionfale marcia capitalistica dell’occidente, è ormai anch’esso semitravolto da una deriva consumistica che sta per cancellarlo del tutto – dice l’autore.

L’evento è a ingresso libero riservato ai soci ABC (costo dell’associazione ad ABC 3€).

Teatro dell’ABC – Stagione 2019-2020
Un progetto a cura di ABC Arte Bologna Cultura
Con il patrocinio del Comune di Bologna – Quartiere Santo Stefano
Si ringrazia Banca di Imola per il supporto