TRA LE DITA – A Trame la casa editrice Zona 42 propone Elisa Emiliani con il suo “Cenere”

0
97
Sabato 9 marzo alle 12 alla libreria Trame, la casa editrice Zona 42 propone Elisa Emiliani con il suo “Cenere”. 
Ad accompagnare l’autrice ci saranno Giorgio Raffaelli e Marco Scarabelli.
Cenere è un possibile antidoto al futuro velenoso che ci attende dietro l’angolo. Un inno alla forza imperitura dell’amicizia.
Cenere è una piccola distopia di provincia ma, soprattutto, Cenere è la storia di tre giovani amiche che provano a reagire a una situazione politica che diventa sempre più intollerabile.
La voce appassionata e potente di Elisa Emiliani dona vita sangue e calore ad Ash, Reba e Anna, proponendo un ritratto indimenticabile dell’adolescenza ai tempi del controllo globale.
Una lettrice ha definito Cenere “un perfetto incrocio tra cyberpunk, avventura e racconto di un’estate adolescenziale alla Stand by me, senza essere specificatamente nessuno di questi”, una descrizione che calza molto bene al romanzo.
Elisa Emiliani, faentina, classe 1986, è la prima autrice italiana pubblicata da Zona 42.
Cresciuta a pane e fantascienza, ha presentato una tesi in Filosofia Semiotica dal titolo Problematiche filosofiche nella narrativa fantascientifica (analisi di Scorrete lacrime, disse il poliziotto di Philip K. Dick) che ha suscitato più sdegno che entusiasmo in commissione di laurea.
Ha deciso di non intraprendere la carriera accademica e si è trasferita in Inghilterra, poi in un paesino sperduto della Galizia dove è nata l’idea di Cenere.
Nel frattempo ha scritto racconti per Fantasy magazine, Effemme e Speechless magazine, ha curato la rubrica Problemi d’identità seriale per la rivista Inkroci ed esplorato ambientazioni distopiche sul blog Philomela997.
Nel 2017 ha frequentato la Bottega di Narrazione di Giulio Mozzi dedicandosi a nuove sperimentazioni narrative.
È recentemente tornata nella Romagna faentina dove gestisce progetti di mobilità giovanile internazionale e scrive storie di incubi che filtrano in mondi quasi reali.