TRA LE DITA – A Trame Luca Bombardieri e Tommaso Pippucci presentano “Le fate amare” (Valigie Rosse)

0
37

Venerdì 18 ottobre alle 18,00 alla libreria Trame in via Goito 3/C a Bologna Luca Bombardieri e Tommaso Pippucci presentano “Le fate amare” (Valigie Rosse) e ne parlano con Matteo Marchesini.

Quando la Bruna del Lago, principessa di Giovacchia, viene rapita dal malefico Insultàno per farne la propria sposa, soltanto un’impresa ardimentosa potrà riportare a re Belando l’incantevole figlia. Un’impresa degna di due paladini come Urlando e Fluendo, discendenti di una interminabile genia di cavalieri: Le fate amare sarà quindi il resoconto, picaresco ed esuberante, dell’avventura che questi due protagonisti, districandosi tra bisticci linguistici, fraintendimenti e slittamenti di significato, decideranno di intraprendere per ricondurre a casa la giovane perduta. Un cammino tortuoso fatto di bizzarre brigate, rivoluzioni, luoghi incantati, tradimenti e provvidenziali alleanze, e al termine del quale la perpetua lotta tra Bene e Male verrà giocata sulla capacità di riconoscere i propri puoi in mezzo a mandrie di buoi. Romanzo cavalleresco a tratti paradossale, Le fate amare, come evidenzia Dente nella prefazione, è un libro che «vi disintegra la lingua» e in cui «le parole si scambiano i significati come fossero vestiti con cui vestirsi e svestirsi per gioco, per divertirsi».
Luca Bombardieri e Tommaso Pippucci pubblicano una prima raccolta di prose con il titolo Trompe l’oeil, trompe l’oreille (Zona Editore, Arezzo 2005, con prefazione di Paolo Maccari). Il libro viene accolto con interesse dalla critica e ottiene recensioni positive (Stefano Bartezzaghi, Idolina Landolfi etc…).

Da questo libro viene adattato una performance per il teatro. In questa veste e col nome di rapsodi gruppofonografico, debuttano in teatro nel 2006 a Benevento Città Spettacolo portando in scena Trompe l’oeil, trompe l’oreille con Duccio Ancillotti ai giradischi e per la regia di Claudio Di Palma. Il testo viene in seguito rappresentato nei due anni successivi in vari teatri e festival in Italia e all’estero (Urbino “Parole in Gioco”, Torino “Teatro Regio”, Belgrado “Teatro Nazionale”, Salerno “Teatro Augusteo”, Marsala “Teatro Eliodoro Sollima”, Budrio (BO) “Teatro Consorziale”…), mentre sue riduzioni, in forma di sketch, sono apparse in televisione e trasmesse per radio (Radio 3 Suite, RadioRai; Maurizio Costanzo Show, Canale 5).
Un secondo testo con il titolo Mani in Altro, viene portato in scena con la regia di Leonardo Brizzi, risultando finalista al Festival Nuove Sensibilità 2008-2009, Napoli, vincitore del concorso Emergenze Creative (Firenze, 2009) e testo teatrale finalista al Premio Città di Chieri e Colline Torinesi (2010).
Nel 2010-2011 nell’ambito del laboratorio artistico con gli artisti della struttura La Nuova Tinaia di San Salvi a Firenze i due autori realizzano il libretto e catalogo Chi soffre di più? (L’Uomo edizioni, Firenze 2010).
Nel 2013-2015 collaborano con Rai Radio 3, con il programma “La lingua batte”, a cura di Cristina Faloci e Giuseppe Antonelli, e prendono parte a varie manifestazioni (Giornata ProGrammatica, Radio Rai 3, Olimipiadi dell’Italiano, MIUR, Accademia della Crusca, Italian Writers, New York University).
“Le Fate Amare” (2019) edito da Valigie Rosse è il loro primo romanzo.