TRA LE DITA – Guido Croci: Il peso della giovinezza, Il peso della bellezza, Il peso dell’amore

0
199

Martedì 19 febbraio ore 18 alla Libreria Trame, presentazione della trilogia di romanzi di Guido Croci Il peso della giovinezza, Il peso della bellezza, Il peso dell’amore. Ne parla con l’autore il critico letterario e scrittore Massimo Onofri

Sono tre i romanzi a cui è dedicato l’incontro: “Il peso della giovinezza”, “Il peso della bellezza”, “Il peso dell’amore”.
Francesco de Stisi, il personaggio creato da Guido Croci e protagonista di questi tre volumi, raffinato ex professore di lettere, lavora come investigatore privato presso l’agenzia “La Scelta Migliore”. Amante di Montaigne, del cinema e della buona cucina, ha come suo capo la rampante e determinata Maria Leone che ha l’abitudine di affidare al suo collaboratore e amante i casi più insoliti, in cui acume, cultura e una buona dose di sfacciataggine sono elementi indispensabili per la risoluzione finale.
Ogni romanzo racconta tre casi da lui affrontati: nel primo ha a che fare con tre giovani donne alle prese con la propria inadeguatezza, tre storie che raccontano la fragilità della giovinezza con il suo peso a volte schiacciante.
Il secondo ha come protagoniste tre donne ammalianti e bellissime costrette a fuggire a causa delle troppe attenzioni suscitate dalla loro avvenenza.
L’ultimo volume della trilogia presenta tre casi giudiziari che ancora una volta coinvolgono tre giovani donne: la figlia di un boss della malavita fuggita a Parigi con il suo fidanzato; la nipote di un senatore sposatasi in segreto con un anziano professore spagnolo; la sorella di un famoso industriale alle prese con un amico dalle ardue pretese. Tre intriganti rebus investigativi che mettono in gioco il più nobile dei sentimenti, il quale, come si dimostrerà, può risultare anche il più gravoso.
Guido Croci, ha ricoperto importanti ruoli amministrativi in diversi atenei italiani, ultimo dei quali (fino a dicembre 2018) è stato quello di Direttore generale dell’Università di Sassari.
Da sempre coltiva la passione per la scrittura e ha pubblicato con Pendragon i romanzi Humane (2002), Victor (2006), Lilì, la vita è tutta qui (a quattro mani con Clelia Cristina Contini, 2007), Un gatto rosso mattone (2008).
Massimo Onofri, critico letterario e scrittore, è professore ordinario di Letteratura italiana contemporanea all’Università di Sassari.
Tra i suoi saggi Storia di Sciascia (1994), La ragione in contumacia. La critica militante ai tempi del fondamentalismo (2007), Recensire. Istruzioni per l’uso (2008). È autore inoltre di Passaggio in Sicilia(2015) e Passaggio in Sardegna (2016), Benedetti Toscani. Pensieri in fumo (2017).