12/APR/2023RedazioneGente di teatro
160

Al Dehon Telaio Falaguasta In NON CI FACCIAMO RICONOSCERE

Sabato 15 aprile ore 21, al Teatro Dehon andrà in scena la comicità elegante di Marco Falaguasta in "Non ci facciamo riconoscere", uno spettacolo che coinvolgerà il pubblico che ripercorrendo quel periodo a cui i cinquantenni di oggi guardano con grande nostalgia.

 

Una frase emblematica che ha accompagnato l’adolescenza di intere generazioni degli anni Settanta, Ottanta e Novanta. Quattro parole inequivocabili che i genitori pronunciavano per richiamare i figli a un comportamento consono, ma il cui reale significato è sempre rimasto un mistero. L’attore romano dialoga con gli spettatori per capire se davvero quello in cui speravamo è poi successo. Oppure, date le premesse, ci aspettavamo di più.

 

Come avremmo vissuto gli avvenimenti di cronaca e le tante trasformazioni sociali, sequestro Moro, legge sul divorzio, statuto dei lavoratori, ai tempi dei social? Davvero i nostri figli hanno più libertà di quanta ne avevamo noi? Era da preferire l’inclinazione dei nostri nonni e dei nostri genitori a non buttare niente? O è ormai indispensabile l’enorme quantità di acquisti e nuovi modelli, ai quali oggi i nostri ragazzi sono abituati? Ma soprattutto che differenza c’è tra il poke e la frittata di nonna con dentro tutto ciò che non si doveva sprecare?

 

Falaguasta prende per mano gli spettatori in un viaggio epocale tra gag, osservazioni, interpretazioni alternative di convinzioni assodate. Per capire se davvero, quella di cui si fa portavoce, è una generazione in stand by. Così riecheggia ancora a scena aperta “Non ci facciamo riconoscere”. Risuona vibrante dalle tavole del palcoscenico per dar voce a un passato recente. Gli anni di piombo, della legge sull’aborto, ma anche del boom economico, dell’Italia campione del mondo in Spagna. Gli anni della Panda 30 con il finestrino abbassato e l’autoradio che suonava le hit. I Depeche Mode, i Duran Duran, gli Spandau Ballet e Boys di una dirompente Sabrina Salerno che metteva tutti d’accordo. Tante risate ma anche momenti di riflessioni in un percorso a ritroso nel tempo, per cercare di capire “chi” siamo diventanti oggi.

«Certo, eravamo giovani e spensierati.» rilancia l’attore «Ma siamo proprio sicuri che non farsi riconoscere sia stato un vantaggio? O forse, in qualche circostanza, avremmo potuto alzare la voce e… farci riconoscere?»

 

NON CI FACCIAMO RICONOSCERE

A cura di A. Mancini e M. Falaguasta.

Con Quadro Falaguasta.

Organizzazione Enza Felice.

Foto Corinna Fumo.

Grafica Paolo La Farina.

Produzione/Distribuzione: Nicola Canonico per la Good Mood.


Prezzo: Intero € 26,00 Euro - Ridotti € 22,00

I biglietti si possono acquistare presso la biglietteria del Teatro Dehon dal martedì al sabato, ore 15-19, oppure un'ora prima dell'inizio di ogni spettacolo.

Biglietti on-line disponibili sul circuito Vivaticket.

22 Lug. 2024 - Francesco Piggioli
11 Lug. 2024 - Francesco Piggioli
5 Giu. 2024 - Francesco Piggioli
24 Mag. 2024 - Francesco Piggioli
21 Mag. 2024 - Francesco Piggioli
11 Mag. 2024 - Francesco Piggioli

DUSE 200, Teatro Duse sold out per il comico Vito

12 Ott. 2023 - Redazione

E'  un Teatro Duse sold out quello che attende il ritorno di Vito, impegnato il 19 ottobre alle 21 nello spettacolo ‘Omaggio al Duse - Storie e racconti della Bologna di ieri, oggi, domani’, scritto appositamente per la rassegna ‘Duse ...

Leggi tutto

Francesco Renga e Nek Filippo Neviani all'EuropAuditorium

12 Ott. 2023 - Redazione

Il 16 ottobre Francesco Renga e Nek Filippo Neviani saranno insieme live sul palcoscenico del Teatro EuropAuditorium di Bologna per ripercorrere ancora una volta le loro incredibili carriere musicali che hanno segnato intere generazioni. È online ...

Leggi tutto