1/SET/2022Francesco PiggioliFeatured, Sport, L'Angolo del Piggio
466

CALCIO - Bologna, che beffa! Dia riprende Arnautovic e salva la Salernitana

Doccia gelata ad un passo dal traguardo.

Il secondo centro consecutivo di Boulaye Dia annulla il rigore di Arnautovic e costringe il Bologna a rimandare ancora l'appuntamento con la vittoria. Succede tutto nella ripresa, dopo un primo tempo caotico e chiuso a reti inviolate; Sansone si procura il penalty che Arna trasforma, poi i rossoblù sprecano il raddoppio sempre con il n°9 e a due minuti dal novantesimo ecco che la zampata in mischia di Dia ristabilisce la parità. Male Skorupski nella circostanza, la beffa rischia di pesare tanto. Al fischio finale Sinisa Mihajlovic abbandona il campo scurissimo in volto: senza un risultato positivo tra tre giorni a La Spezia, la sua panchina inizierebbe a traballare pericolosamente.

Quasi 2500 tifosi al seguito, entusiasmo alle stelle dopo il 4-0 rifilato alla Sampdoria domenica scorsa con tutto l'attacco a segno: al Dall'Ara arriva una Salernitana da maneggiare con cura. Umore opposto per il Bologna, fermo al malinconico punto frutto dell'1-1 interno con il Verona e a caccia di quel primo successo in campionato che garantirebbe riscatto e linfa alla classifica. Mihajlovic si aggrappa ai precedenti, visto che un anno fa fu proprio la sfida ai campani a regalare la prima gioia stagionale: si ripeterà l'effetto balsamico? Quel che è certo è che i rossoblù sono costretti a puntare dritti ai tre punti, all'alba di uno snodo cruciale (Salernitana e Spezia in successione) per indirizzare questo avvio in cui anche lo stesso Sinisa è sotto esame. A disposizione i neoacquisti Moro e Zirkzee per la panchina, non ancora invece l'ultimo arrivato Posch. In difesa è confermato Lucumì con Medel e Soumaoro, ma a spiccare è la scelta tra mediana e trequarti: Ferguson e Soriano avevano sgomitato a lungo per una maglia, a spuntarla invece è ancora Vignato. Speranze e riflettori sono fissi su Arnautovic, che l'anno scorso colpì la Salernitana sia all'andata sia al ritorno. Al suo fianco, niente Orsolini: c'è Sansone. Mister Nicola conferma Dia e Bonazzoli in attacco, con Vilhena a supporto e il duo Mazzocchi-Bradaric a spartirsi le fasce. La prima parte riflette pari pari il momento delle due squadre. Bologna impaurito e impreciso in costruzione, Salernitana rampante col suo pressing a tutto campo. Per venti minuti buoni i rossoblù faticano ad uscire dalla propria metà campo, ma i ragazzi di Nicola hanno il torto di non concretizzare la supremazia. Mazzocchi sfonda spesso a destra e scodella palloni invitanti a centro area: nell'occasione più propizia, Soumaoro anticipa sul più bello Dia pronto al tap-in. Bene anche Bonazzoli nel lavoro di raccordo e Coulibaly, incursore costante sulla trequarti con e senza palla. Skorupski e Medel distribuiscono pezze, Sinisa regge. Il Bologna cresce alla distanza, in evidenza soprattutto Sansone nel bene e nel male. Il folletto rossoblù fa e disfa, come Penelope. L'incipit chiama Sepe alla prima parata della serata, poi ecco una bella fuga solitaria chiusa da tiro fuori misura cui segue un'incursione a sinistra con rasoterra che esce a fil di palo. L'occasionissima prende però forma nel finale: retropassaggio sbadato e potenzialmente suicida da parte di Dia, il n°10 raccoglie e si presenta solo soletto a tu per tu con Sepe che però neutralizza la comoda esecuzione. Goal divorato e mani tra i capelli per Sansone.

Evidentemente il primo tempo non soddisfa affatto Sinisa, che all'intervallo opta per una mezza rivoluzione. Fuori entrambi gli esterni (Kasius e Cambiaso), oltre a Vignato: tris di bocciature. In campo De Silvestri, Lykogiannis e Soriano. La mossa sembra pagare, subito in luce i subentrati. Prima Lykogiannis crossa per De Silvestri che ruba il tempo a Bradaric ma angola troppo la deviazione aerea, poi Soriano riceve sul secondo palo da Arnautovic ma di testa incredibilmente non trova la porta. Partita letteralmente stravolta, Bologna ora all'arrembaggio e Salernitana che accusa il colpo. Minuto 51, Sansone anticipa secco Gyomber su un pallone vagante in area e conquista il secondo rigore del suo campionato dopo quello dell'esordio contro la Lazio. Dal dischetto va lo specialista Arnautovic, che con nonchalance spiazza Sepe e sigla un vantaggio pesantissimo. Terzo goal del suo campionato e terzo centro in tre partite alla Salernitana. Candreva per Bradaric e Botheim per Bonazzoli sono le risposte di Nicola allo schiaffo ricevuto, nel tentativo di rianimare una Salernitana uscita malissimo dai blocchi nella ripresa. Alzano il baricentro i campani, accettando consapevolmente di scoprirsi. Il Bologna dal canto suo si abbassa per poi ripartire in campo aperto, ma Arnautovic butta nell'indifferenziata un ghiotto contropiede peccando di altruismo davanti a Sepe: niente tiro, assist sbagliato per Sansone e l'opportunità sfuma. Scocca l'ora della staffetta tra lo stesso Sansone e Orsolini, poi Sinisa rimpolpa la mediana con Aebischer per Dominguez. Largo alla vecchia guardia, nessuno spiraglio per i nuovi acquisti: posta in palio troppo importante, il Bologna si affida all'usato sicuro. Sale di tono Schouten dopo un primo tempo da dimenticare, Orsolini prova a chiudere i conti ma il suo sinistro dalla mattonella prediletta s'imbatte nei guantoni di Sepe. Partita indirizzata ma aperta, il Bologna non manda in archivio e la Salernitana ne approfitta. Minuto 88, il Dall'Ara si ammutolisce: tiro con poche pretese di Candreva, la respinta di Skorupski lascia parecchio a desiderare e Dia è il più veloce di tutti ad insaccare. Beffa atroce per Sinisa, Arnautovic reagisce con rabbia andando al corpo a corpo con Gyomber su campanile dalle retrovie di De Silvestri: duello vinto ma sinistro altissimo sopra la traversa. Boccone decisamente amaro per il Bologna, che proprio non riesce a sbloccarsi. Due punti in quattro gare rappresentano un bottino davvero misero per chi è chiamato al salto di qualità rispetto al recente passato. Domenica, al Picco di La Spezia, blitz pressoché obbligato. Da stasera, tutti in discussione. A partire da Sinisa Mihajlovic.

 

Di seguito, le pagelle della gara.

BOLOGNA (3-5-2)

Skorupski 5; Soumaoro 6, Medel 6.5, Lucumì 6.5; Kasius 5 (46' De Silvestri 6), Dominguez 6 (80' Aebischer s.v.), Schouten 6, Vignato 5 (46' Soriano 5), Cambiaso 5.5 (46' Lykogiannis 6); Sansone 6 (74' Orsolini 6), Arnautovic 6.  all.: Mihajlovic 5.5

 

SALERNITANA (3-5-2, dal 76' 4-3-3)

Sepe 7; Bronn 5.5 (76' Valencia 6), Gyomber 5, Fazio 6; Mazzocchi 6.5, Maggiore 5.5, Coulibaly 6, Vilhena 6.5, Bradaric 5.5 (54' Candreva 6.5); Dia 6.5, Bonazzoli 5.5 (63' Botheim 6).  all.: Nicola 6

 

BOLOGNA-SALERNITANA 1-1 (52' Arnautovic rig., 88' Dia)

22 Apr. 2024 - Francesco Piggioli
14 Apr. 2024 - Francesco Piggioli
7 Apr. 2024 - Francesco Piggioli
1 Apr. 2024 - Francesco Piggioli
15 Mar. 2024 - Francesco Piggioli
9 Mar. 2024 - Francesco Piggioli

Bologna, troppo bello per essere vero! Thiago sbanca Roma e vede la Champions

22 Apr. 2024 - Francesco Piggioli

E' la sera dei miracoli, fai attenzione. L'avviso l'aveva lanciato nell'aria, il buon vecchio Lucio. De Rossi forse non ci ha badato troppo: chissà. Ma a sensazione sarebbe cambiato poco. E' lezione di calcio, forte e chiara. ...

Leggi tutto

Il Bologna preme, ma il muro del Monza regge: altro 0-0

14 Apr. 2024 - Francesco Piggioli

Applausi al bunker, l'attacco però non punge. Notte sospesa a metà del guado per un Bologna incapace di superare la trincea del Monza. Sulla ruota del Dall'Ara esce il secondo 0-0 consecutivo per i rossoblù contro i brianzoli ...

Leggi tutto